Apri il menu principale

Proverbi salentini

lista di un progetto Wikimedia

Raccolta di proverbi salentini.

  • La cecala canta canta e poi schiatta.
La cicala, a furia di cantare tanto forte, finisce per crepare.[1]
  • 'Nna pica mantinne centu piche | centu piche nu' mantìnnera 'na pica.[2]
Una gazza può dare da mangiare a cento gazze [neonate] | ma cento gazze [neonate] non possono dare da mangiare ad una gazza.
  • Pe santa Lucia – quantu lu pede de la pudda mia.[3]
Per santa Lucia (le giornate si allungano) quanto il piede della gallina mia.

NoteModifica

  1. Citato in Luigi Lezzi, Le cicale: Canti salentini di tradizione orale, Edizioni Kurumuny, Calimera, 2007, p. 12. ISBN 978-88-95161-05-1
  2. Citato in Irene Maria Malecore, Magie di Japigia: Etnografia e folklore del Salento, Alfredo Guida Editore, Napoli, 1997, p. 30. ISBN 88-7188-169-9
  3. Citato in Giovanni Ruffino, Atti del XXI Congresso Internazionale di Linguistica e Filologia romanza / Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani, Università di Palermo, 18-24 settembre 1995, a cura di Giovanni Ruffino, vol. V, Dialettologia, geolinguistica, sociolinguistica, Max Niemeyer Verlag, Tubinga, 1998, p. 359. ISBN 3-484-50365-3

Voci correlateModifica