Proverbi salentini

lista di un progetto Wikimedia

Raccolta di proverbi salentini.

  • A ssettembre acqua e lluna – su' dde li fungi la furtuna.
A settembre acqua e luna – son dei funghi la fortuna.[1]
  • Addhu vince lu vinu perde u segretu.[2]
Dove vince il vino perde il segreto.
  • Allu squagghiare te la nie si iteno li strunzi.[3]
Allo sciogliersi della neve
Un bel manto di aalettanti promesse, buone intenzioni e persuasive parole non basta per pronunciare un giudizio; mai dare affrettate valutazioni positive, concedere un'incauta fiducia o entusiasmarsi con facilità. Solo il tempo è rivelatore.
  • Amicizia stritta cu lu mieru dura u tiempu ta strada te casa.[2]
Amicizia stretta con il vino[4]dura il tempo della strada di casa.
  • Face chiui miraculi 'na utte te mieru te na chiesa china de santi.[2]
Fa più miracoli una botte piena di vino che una chiesa piena di santi.
  • La cecala canta canta e poi schiatta.[5]
La cicala, a furia di cantare tanto forte, finisce per crepare.
  • 'Nna pica mantinne centu piche | centu piche nu' mantìnnera 'na pica.[6]
Una gazza può dare da mangiare a cento gazze [neonate] | ma cento gazze [neonate] non possono dare da mangiare ad una gazza.
  • Pane friscu, mieru vecchiu e mujere giovane.[2]
Pane fresco, vino vecchio e moglie giovane.
  • Pe santa Lucia – quantu lu pede de la pudda mia.[7]
Per santa Lucia (le giornate si allungano) quanto il piede della gallina mia.
  • Sìmena quandu voi ca a mmessi meti.[8]
Semina quando vuoi che mieti la messe.
  • Tene chiu' valore nna fezza de lu mieru fiaccu.[2]
Ha più valore la feccia del vino scadente.


NoteModifica

  1. Citato in Antonio Romano, «Quando il vento soffia facciamo come la canna: la paremiologia grica e salentina tra meteorognostica e metafore meteorologiche», p. 7, iris.unito.it.
  2. a b c d e Citato in Armenia Cotardo, Speciale "San Martino": 6 Proverbi salentini sul Vino, 11 novembre 2016.
  3. Citato, con traduzione, in Proverbio salentino di oggi Lunedì 6 luglio, leccecronaca.it, 6 luglio 2015.
  4. Ubriacandosi.
  5. Citato in Luigi Lezzi, Le cicale: Canti salentini di tradizione orale, Edizioni Kurumuny, Calimera, 2007, p. 12. ISBN 978-88-95161-05-1
  6. Citato in Irene Maria Malecore, Magie di Japigia: Etnografia e folklore del Salento, Alfredo Guida Editore, Napoli, 1997, p. 30. ISBN 88-7188-169-9
  7. Citato in Giovanni Ruffino, Atti del XXI Congresso Internazionale di Linguistica e Filologia romanza / Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani, Università di Palermo, 18-24 settembre 1995, a cura di Giovanni Ruffino, vol. V, Dialettologia, geolinguistica, sociolinguistica, Max Niemeyer Verlag, Tubinga, 1998, p. 359. ISBN 3-484-50365-3
  8. Citato in Franco Corlianò, Il proverbio griko-salentino, Barbieri, Manduria, 2010; riportato in Antonio Romano, Quando il vento soffia facciamo come la canna, p. 6.

Voci correlateModifica