Apri il menu principale

Wikiquote β

Proverbi pugliesi

Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

Raccolta di proverbi pugliesi.

CModifica

  • Ci disse figghie disse uà.
Chi disse figli disse guai.[1]
  • Ci tène vèstie e fèile me cuntènte rèire.
Chi ha bestie e figli mai contento ride.[1]

RModifica

  • Ricordate ca l'animale tene a rabbia e nu caz de controllu ma tie omu teni la rascione e lu controllu.
Ricorda che l'animale ha la rabbia e nessun controllo mentre tu, uomo, hai la ragione e il controllo.[2]

TModifica

  • Tira chiui lu pilu ca lu 'nsartu.[3]
Tira più il pelo (la donna) che la corda.
  • Tutte u munne iè ccome caste.
Tutto il mondo è come casa tua.[4]

UModifica

  • U meste d'asc-ce fasce crusce e ammène abbàsc-ce.
Il falegname manda giù i segni di croce che si fa (e niente pane).[5]

NoteModifica

  1. a b Citato in Bolelli 1983, p. 129.
  2. Citato in Aa. Vv. 2012, § 194.
  3. Citato in Barba 1902, p. 12.
  4. Citato in Bolelli 1983, p. 90.
  5. Citato in Bolelli 1983, p. 123.

BibliografiaModifica

  • Aa. Vv., Proverbi & modi di dire: Puglia, Simonelli Editore, 2012. ISBN 978-88-7647-852-9
  • Emanuele Barba, Proverbi e motti del dialetto gallipolino reccolti ed illustrati, Collana di scrittori gallipolini: storica, scientifica e letteraria, Tip. G. Stefanelli, Gallipoli, 1902.
  • Tristano Bolelli, Adriana Zeppini Bolelli, Dizionario dei dialetti d'Italia, La Domenica del Corriere, Milano, 1983.

Voci correlateModifica