Apri il menu principale

Paolo Liguori

giornalista italiano

Paolo Liguori (1949 – vivente), giornalista e personaggio televisivo italiano.

Citazioni di Paolo LiguoriModifica

Da Paolo Liguori

Intervista di Barbara Benedettelli, Il Giornale, riportato in Barbarabenedettelli.it, 3 maggio 2010.

  • La vera differenza non è tra un ex di Lc che lavora nel mondo della comunicazione o uno disoccupato. È tra chi scelse di chiudere quell'esperienza e chi invece scelse di andare avanti in altre forme. Io la considerai chiusa. L'ideologia per me non contava più niente. Era un fardello inutile. Preferii l'avventura della vita.
  • [Su Gianfranco Fini] La sua opposizione a Berlusconi è molto più forte, evidente, conclamata e ripetuta di quanto non lo siano i contenuti.
  • La Rete è un mondo che esiste e comunica. La massa lo ha scelto. Chi ha responsabilità e possibilità di immettere contenuti controllati deve entrarci. Deve aiutare la gente a discernere trasmettendo una giusta sequenza di informazioni.

Citazioni su Paolo LiguoriModifica

  • Liguori è una voce anomala nel panorama dei media italiani che sono di una uniformità totale. (Ugo Intini)
  • [Sul caso Moro] Ad ogni buon conto se si poteva avere qualche dubbio sulla "linea della fermezza" all'epoca in cui si svolsero i fatti, oggi non è più lecito. Non è infatti un caso che il terrorismo abbia cominciato a perdere colpi proprio dopo il caso Moro e si sia liquefatto in pochi anni. È la dimostrazione che la linea della fermezza era giusta non solo dal punto di vista etico e giuridico ma anche da quello pratico. Se avessimo dato retta ai Craxi, ai Mancini, ai Signorile, ai Pace, ai Liguori e ai Deaglio, cioè a tutta quell'area che civettava col terrorismo, oggi Renato Curcio sarebbe il padrone del Paese. (Massimo Fini)

Altri progettiModifica