Apri il menu principale

Nick Bollettieri

allenatore di tennis statunitense
Nick Bollettieri

Nicholas James "Nick" Bollettieri (1931 – vivente), allenatore di tennis statunitense.

Indice

Citazioni di Nick BollettieriModifica

  • [Su Serena Williams] Che dire? Ha la forza di un uomo, e si è presentata con una grandissima forma fisica. È forte, fortissima, e soprattutto sa di esserlo, mostrando un approccio al gioco molto propositivo.[1]
  • Con più persone come Roger Federer vivremmo in un mondo migliore. È troppo perfetto, fa tutto con una grazia unica e non solo in campo, ma anche con la famiglia o con la beneficenza. Non posso dire che sia il GOAT perché negli anni sono cambiate le attrezzature e gli allenamenti, ma è innegabile che come lui ne nasce uno su un miliardo.[2]
  • Da quando sono nato, ho sempre trovato il modo di vendere qualcosa: fiori, limonata sulle bancarelle, alberi di Natale e così via. Col passare del tempo, ho iniziato a vendere Nick Bollettieri e tutto quello che ho fatto era destinato a me. Ho continuato a combattere nonostante tutto, anche se sono stato messo ko più volte. Ho sempre trovato un modo di rialzarmi prima di essere contato.[3]
  • Dagli anni Ottanta in poi, se guardi la provenienza dei nostri migliori tennisti, ti accorgi dei benefici dell'accademia. Non c'è solo il fatto di trovare avversari di differenti nazionalità. Vedi più determinazione, più forza mentale in chi è lontano da casa.[4]
  • [Su Kei Nishikori] È efficiente, se ha una palla break la sfrutta, è molto dinamico ed ha un grande gioco di gambe.[5]
  • Io sono un sognatore, allora non sapevo cosa stavo facendo ma adesso il successo si può facilmente misurare. Come? Ci sono accademie di tennis in ogni angolo del mondo perché la mia ha avuto successo e tutti hanno tentato di copiarla.[6]
  • Nadal ha qualcosa di selvaggio, un desiderio di vincere che lo rende unico, una tenacia che lo porterebbe a morire prima di perdere un match. Mi ricorda Agassi, anche per come si veste.[7]
  • Nel tennis come nel basket, l'America paga presunzione e ignoranza. Non ha capito che gli altri Paesi hanno studiato, si sono mossi e hanno migliorato. Magari partendo proprio dalle nostre esperienza, dalla nostra scuola.[8]
  • [Su Federico Luzzi] Può essere un fenomeno, uno tipo Xavier Malisse. Ha l'handicap di essere italiano.[9]
  • Puoi cambiare la tua vita, cambiando il tuo approccio mentale. Nei momenti di difficoltà, se cadi può non essere colpa tua, ma è certamente colpa tua se non ti rialzi. Devi credere per arrivare al successo.[3]

Citazioni su Nick BollettieriModifica

  • La forza di Bollettieri, che ha aperto il suo campus nel 1978, è stata infatti quella di sviluppare la preparazione atletica di pari passo con quella tennistica. In questo modo si è garantito sia le punte – cioè i campioni nati e cresciuti in loco, più quelli che ciclicamente frequentano la scuola – sia la base, cioè gli studenti, centinaia e centinaia di ragazze e ragazzi che ogni giorno si allenano duramente, sperimentando la stessa preparazione, le stesse esercitazioni che hanno affermato la validità del metodo. (Vincenzo Martucci)
  • Odiavo l'academy di Bollettieri. L'unico modo che avevo per fuggirne era avere successo. E diventò il mio obiettivo: far bene per poter scappare! (Andre Agassi)

NoteModifica

  1. Citato in Davide Uccella, Bollettieri: "L'Azarenka è più giovane, ma Serena è un uomo", Ubitennis.com, 5 luglio 2012.
  2. Citato in "Con più persone come Federer vivremmo in un mondo migliore!" Parola di Nick Bollettieri, TennisWorldItalia.it, 8 maggio 2017.
  3. a b Da Il segreto dei campioni e dei venditori (Bollettieri), Ubitennis.com, 3 ottobre 2013.
  4. Citato in Alessandro Mastroluca, Come cambia l'orizzonte dopo un milione di città, Ubitennis.com, 18 ottobre 2012.
  5. Citato in Davide Uccella, Bollettieri: "Entro un anno Nishikori top-ten, prime 20 per Watson e Robson", Ubitennis.com, 18 ottobre 2012.
  6. Citato in Bollettieri: "Solo i visionari che non hanno paura fanno cose grandi", Ubitennis.com, 1º maggio 2013.
  7. Citato in Vincenzo Martucci, Nadal irrompe in casa Federer, Gazzetta dello Sport, 28 giugno 2006.
  8. Citato in Vincenzo Martucci, Com' è caduto in basso il tennis «made in Usa», Gazzetta dello Sport, 15 settembre 2004.
  9. Citato in Gianni Clerici, Cuore Luzzi e Navarra Italia vicina al gran colpo, la Repubblica, 7 aprile 2001.

Altri progettiModifica