Mission: Impossible III

film del 2006 diretto da J.J. Abrams

Mission: Impossible III

Immagine Mi3-logo.svg.
Titolo originale

Mission: Impossible III

Lingua originale inglese, italiano, cinese mandarino, cantonese standard, tedesco, ceco, cinese standard e cantonese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2006
Genere azione
Regia J.J. Abrams
Soggetto Bruce Geller
Sceneggiatura Alex Kurtzman, Roberto Orci, J.J. Abrams
Produttore Tom Cruise, Paula Wagner
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Mission: Impossibile III, film statunitense del 2006 con Tom Cruise, regia di J.J. Abrams.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Questa è adrenalina Lindsey, la sentirai! (Ethan)
  • Suppongo sia il nome in codice per qualcosa che sta per vendere ad un acquirente, non meglio identificato, per 850 milioni di dollari. Tra parentesi: o magari non è una parola in codice, ma è solo un'appendice di coniglio molto costosa. (Benji)
  • Non fa niente, va bene. Verso sempre vino rosso sulle mie camicie bianche fatte su misura. (Zhen)
  • Questa è l'intelligence, ma finora di intelligenza ne ho vista poca. (Brassell)
  • [Davian] È un uomo che traffica! Traffica! Traffica! (Brassell)
  • Lei è morto, signor Davian. Davanti a testimoni. (Ethan)
  • Tu hai... una moglie, una fidanzata? Perché lo sai che cosa farò? Andrò a cercarla. Chiunque sia, la troverò e le farò del male. La farò piangere, la torturerò, le farò gridare il tuo nome... e tu non potrai fare un cazzo. E lo sai perché? Perché starai quasi per morire. E poi io ti ucciderò, proprio davanti a lei. (Davian a Ethan Hunt)
  • Se vuoi capire il carattere di una persona guarda come tratta quelli di cui non ha bisogno. (Davian)
  • Non sono estraneo alla mancanza di rispetto. Non si arriva dove sono io senza farsi la pelle dura. Ma quello che non tollero, quello che mi fa perdere il sonno, e io amo dormire, è l'idea che un agente indisciplinato e irresponsabile lavori nel mio ufficio, quindi, la metterò un po' a freno. (Brassell)
  • Può continuare a fissarmi con quello sguardo persecutorio e inquisitorio per quanto vuole, ma mi creda, sarei disposto anche a spargere il mio sangue sulla bandiera purché le strisce restino rosse. (Brassell)
  • Ehi ehi ehi, Ethan. Non dico di avere un'idea migliore della tua. Ma c'è un punto in cui, da audaci, si diventa stupidi. (Luther)
  • Ce l'ha fatta! Ce l'ha fatta!...Tanto si sapeva. (Luther) [riferendosi a Ethan]
  • Ho una carica esplosiva in testa. Morirò se non mi uccidi prima. Metti prima su ON e poi su OFF. Non dimenticare OFF. (Ethan)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • [Prima di entrare nel laboratorio in Germania per liberare l'agente Farris]
    Ethan: Sai che ti starò a ore sei.
    Luther: Mi sembra giusto, è il tuo lavoro.
  • Zhen: Mi servono due minuti, quindi me ne dai solo uno giusto?
    Luther: Sì! Ci hai preso!
  • Lindsey: Non ho più munizioni. Tu quante ne hai?
    Ethan: Abbastanza. [Spara un solo colpo] Ora non ne ho più.
  • Ethan: Sig. Brassel è inaccettabile giudicare la competenza dell'agente Ferris...
    Brassel: È inaccettabile pensare che la cioccolata faccia ingrassare, ma io ne ho mangiata a chili, e indovini un po'?
  • Luther: Senti fratello, non vorrei farmi gli affari tuoi ma... c'era qualcosa fra voi due, per caso? Fra te e Lindsey?
    Ethan: Lindsey era come una sorella minore per me.
    Luther: E tu non sei mai ... andato a letto con la tua sorella minore, giusto?
  • Luther: Non ne vado fiero, non ne sono felice. Ma ho provato a vivere con delle donne e si arriva al massimo a 2 anni. Non si riesce a conciliare...
    Ethan: Grazie per il consiglio, ma questo vale per te, non per me. Io non sono più operativo.
    Luther: Ah ok. Ecco il regalo per la pensione. Se fai questo mestiere, ci sarà sempre un muro tra te e la tua donna. Sempre!
    Ethan: Luther, senti ...
    Luther: L'inganno.
    Ethan: Luther, senti ...
    Luther: E l'inganno, prima o poi, avvelena tutto.
    Ethan: Luther, credo di doverti dire una cosa a proposito.
    Luther: Non parlare. Non lo sto dicendo per te, Ethan. Chiunque sia questa ragazza, finirai col rovinare anche la sua vita. Non farlo.
    Ethan: Julia e io ci siamo sposati 3 giorni fa.
    Luther: Congratulazioni!
  • Ethan: Grazie ancora. Ci vediamo a casa.
    Luther: Ethan probabilmente pensano di uccidervi tutti e due, lo sai?
    Ethan: Allora non ci rivedremo a casa.

Altri progettiModifica