Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Thích Nhất Hạnh.

Mangiare zen: nutrire il corpo e la mente, saggio del 2015 di Thích Nhất Hạnh e Lilian Cheung.

CitazioniModifica

  • Ogni minuto che passiamo a preoccuparci per il futuro e a recriminare sul passato è un minuto che perdiamo nel nostro appuntamento con la vita, è un'opportunità mancata di impegnarci e di renderci conto che ogni singolo attimo ci dà l'occasione di cambiare in meglio, di provare pace e gioia. La pratica di essere pienamente presente in ogni attimo è detta consapevolezza; è un antico approccio buddhista alla vita che ci aiuta a stare nel «qui e ora» [...]. (p. 6)
  • Con la consapevolezza possiamo scegliere come vivere adesso la nostra vita. Possiamo cogliere ogni attimo per ripartire. (p. 8)
  • Siamo tutti connessi e interdipendenti: quel che ciascuno fa influenza ogni altra cosa e persona, e ciò che fa ogni altra cosa e persona avrà un effetto su ogni singolo individuo. (p. 12)
  • Data la tendenza crescente, negli ultimi vent'anni, alle porzioni giganti, è facile cadere vittima di una «distorsione della porzione» e perdere di vista quale sia la quantità appropriata di cibo da mangiare. (p. 33)
  • Trasformare la nostra sofferenza è come diventare coltivatori biologici, persone che non buttano via gli avanzi di cucina o gli scarti del giardino, ma ne fanno compost con cui concimare i fiori. Puoi trasformare i rifiuti indesiderati che hai dentro – la depressione, la paura, la disperazione o la rabbia – nell'energia che nutre la pace e la gioia. (p. 41)
  • Dobbiamo sapere che cosa stiamo mangiando, da dove proviene il nostro cibo e che influenza ha su di noi. (p. 59)
  • Osservando a fondo, in una prospettiva globale, la nostra alimentazione, possiamo renderci conto che la produzione della carne è un enorme salasso di risorse per il pianeta. (p. 61)
  • La ragione per cui ci vuole così tanta acqua per produrre carne dipende in parte dal fatto che il bestiame viene ingrassato con grandi quantità di cereali, per coltivare i quali occorre molta acqua. Negli Stati Uniti i bovini consumano sette volte più cereali dell'intera popolazione umana. [...] È doloroso renderci conto che i cereali e le risorse che utilizziamo per allevare animali da macello potrebbero essere usati più direttamente, invece, per alimentare i bambini denutriti e malnutriti del mondo. (p. 61)
  • [...] ridurre la quantità di carne e di latticini nella nostra dieta è un ottimo modo per tenere sotto controllo il nostro peso, migliorare la salute nel suo complesso e fare passi concreti verso un miglioramento della salute del pianeta. Quando impariamo a mangiare in consapevolezza più vegetali, più cereali e più legumi ne godiamo di più il sapore, e forse ci farà piacere sapere che stiamo dando sostegno a un nuovo tipo di società, nella quale c'è cibo a sufficienza per tutti e nessuno deve più patire la fame.
    Dobbiamo fare qualcosa in fretta, a livello sia collettivo sia individuale. Per la singola persona, andare verso il vegetarianesimo può essere di grande beneficio per il peso e per la salute. I vegani e i vegetariani tendono a pesare meno delle persone che consumano cibi di origine animale; tendono anche ad avere un minore tasso di rischio di malattie cardiovascolari, diabete e di alcuni tipi di cancro. (p. 63)
  • Molte tradizioni buddhiste incoraggiano il vegetarianesimo. Sebbene questa pratica si basi essenzialmente sulla volontà di nutrire la compassione per gli animali, fa anche molto bene alla salute. Adesso sappiamo anche che mangiando vegetariano proteggiamo la terra e contribuiamo a ridurre l'effetto-serra che le sta causando danni seri e irreversibili. Anche se non puoi essere vegetariano al cento per cento, essere un vegetariano part-time e consumare più cibi di origine vegetale sarà già meglio per la tua salute personale come per la salute del pianeta che condividiamo. (pp. 63-64)
  • La nostra economia di mercato è mossa essenzialmente dalla domanda dei consumatori; se una parte consistente della popolazione sposta anche di poco le sue scelte verso cibi di origine vegetale, l'industria dell'allevamento si ridurrà. Col tempo gli allevatori troveranno altre fonti di reddito con cui sostentarsi. Con un risveglio collettivo di questo genere possiamo determinare davvero un cambiamento nel nostro mondo. (p. 64)
  • L'amore e l'odio sono entrambi fenomeni viventi: se non nutriamo il nostro amore, morirà e potrebbe trasformarsi in odio. Se vogliamo che l'amore duri, dobbiamo nutrirlo e alimentarlo ogni giorno. Lo stesso vale per l'odio: se non lo alimentiamo non può sopravvivere. (p. 79)
  • Ogni cosa è interconnessa: il nostro corpo e il nostro universo sono una cosa sola. (p. 89)
  • A volte disprezziamo il nostro corpo o lo critichiamo, ma anche i suoi aspetti negativi sono dei prodigi. Succede proprio come con uno stagno pieno di fiori di loto: tendiamo ad accettare i loti, ma non il fango dello stagno dal quale crescono. Il loto è prezioso – ma lo è anche il fango: se non ci fosse il fango non ci sarebbe alcun loto. (p. 90)
  • Il nocciolo dell'amore e della compassione è la comprensione, ossia la capacità di riconoscere la sofferenza in noi stessi e negli altri. (p. 100)
  • Alcuni libri di diete [...] dipingono i carboidrati come «il nemico»; altri guru della nutrizione propugnano diete povere di grassi e ricche di carboidrati per perdere peso e prevenire le malattie [...]. La verità sui macronutrienti e la salute, tuttavia, è che importa molto di più il tipo di carboidrato, proteina e grasso che si sceglie che non la loro quantità relativa nella nostra dieta. [...] i cereali integrali, la verdura, la frutta intera e i legumi costituiscono una buona scelta, riguardo ai carboidrati, e sono ricchi anche di vitamine, minerali e fibre. (pp. 117-118)
  • Le fonti più sane di proteine – legumi, frutta secca a guscio, cereali integrali e cibi da essi derivati – contengono anche fibre, vitamine, minerali e grassi sani, e sono anche non nocive per il pianeta. (p. 119)
  • Una dieta dimagrante consapevole dovrebbe essere innanzitutto e soprattutto una dieta sana per te e per il pianeta. Il primo e fondamentale principio di un'alimentazione sana è passare a un'alimentazione maggiormente basata sui vegetali. In particolare gli asiatici hanno praticato il vegetarianesimo per migliaia di anni. [...] gli argomenti etici e ambientali che depongono a favore di una dieta basata sui vegetali sono più solidi che mai, e i suoi benefici per la salute lo sono altrettanto. [...] I vegetariani e i vegani tendono a pesare di meno e ad avere pressione sanguigna più bassa, livelli più bassi di colesterolo nel sangue e minor rischio di malattie cardiovascolari rispetto alle persone che mangiano anche cibi di origine animale. (p. 126)
  • Quando si tratta di frutta e verdura, il messaggio fondamentale si riassume in tre parole: mangiane di più. [...] cerca di mangiare ogni giorno verdura e frutta di tutti i colori dell'arcobaleno. (pp. 128-129)
  • [...] le patate – di tutti i tipi: a buccia bruna, rossa, gialla o violetta – hanno più elementi in comune con il pane bianco e con il riso bianco che non con i broccoli o i peperoni. Le patate contengono amidi ad assorbimento rapido, e in grandi quantità.
    Mangiare una grande porzione di cibo così amidaceo può spedire la tua glicemia sulle montagne russe [...]. (p. 130)
  • Il governo degli USA raccomanda l'assunzione di 1000 mg di calcio al giorno; alcuni obiettano criticamente che le raccomandazioni del governo statunitense sono formulate più in base alle pressioni delle lobby della potente industria lattiero-casearia che non in base all'evidenza scientifica. [...] dalle ricerche invece emerge l'inquietante possibilità che, negli uomini, all'assunzione di alte quantità di latte o comunque di calcio si associ un aumento del rischio di cancro alla prostata e, nelle donne, l'assunzione di alte quantità di lattosio si associ a un aumento del rischio di cancro alle ovaie. [...] Qual è dunque il modo migliore di assumere il calcio? Se pianifichi con cura la tua dieta, puoi ottenere calcio a sufficienza da fonti non derivate dal latte [...]. (pp. 134-136)
  • L'acqua è la scelta migliore sia per la salute sia per perdere peso. Le bibite dolci sono la scelta peggiore, perché il loro consumo eccessivo aumenta il rischio di obesità, diabete e forse perfino malattie cardiovascolari. (p. 136)
  • In Vietnam è usanza non sgridare né punire nessuno mentre mangia, in modo da non disturbarne l'alimentazione e la digestione; possiamo imparare da questa saggezza fatta di buon senso. (p. 149)
  • Chi mangia in consapevolezza, osservando in profondità il pasto che sta per gustare, vede molto al di là del bordo del proprio piatto. [...] se diventasse vegetariano l'americano medio potrebbe fare di più per ridurre le emissioni che determinano il riscaldamento globale che cambiando un'auto a benzina con un'auto elettrica. (p. 152)
  • Pensa ai cibi sani che attualmente non mangi, ma che potresti pensare di aggiungere ai tuoi pasti. [...] Proteine vegetali contenute in noci e lenticchie, perché vanno meglio per il pianeta e hanno nutrienti benefici per il mio corpo. Frutta dai colori vivi, come fragole e mirtilli, perché la loro naturale dolcezza soddisferebbe la mia voglia di cose dolci senza mandarmi alle stelle la glicemia. (pp. 168-169)

BibliografiaModifica

  • Thich Nhat Hanh, Lilian Cheung, Mangiare zen: nutrire il corpo e la mente, traduzione di Diana Petech, Oscar Mondadori, Milano, 2015. ISBN 978-88-04-62096-9