La carica dei cento e uno

film d'animazione del 1961 diretto da Clyde Geronimi, Hamilton Luske, Wolfgang Reitherman

La carica dei cento e uno

Immagine 101 Dalmatians Logo.svg.
Titolo originale

One Hundred and One Dalmatians

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1961
Genere animazione
Regia Wolfgang Reitherman, Hamilton Luske, Clyde Geronimi
Soggetto Dodie Smith
Sceneggiatura Bill Peet
Produttore Walt Disney
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

La carica dei cento e uno, film d'animazione statunitense del 1961.

Incipit

La mia storia comincia a Londra non molto tempo fa. Eppure, sono accadute tante di quelle cose da allora, che mi sembra sia passata un'eternità. (Pongo)

Frasi

  Citazioni in ordine temporale.

  • Ah, questa è Nilla, cuoca e massaia ideale. Una persona gentile e comprensiva. Vi dirò: a volte sembra quasi un cane! (Pongo)
  • Prima il motivo, mia cara, e poi le parole! (Rudy)
  • Crudelia De Mon, Crudelia De Mon | farebbe paura perfino a un leon! | Al sol vederla muori d'apprension! | Crudelia, Crudelia... | è più letale lei d'uno scorpion! | Crudelia, Crudelia... De Mon! (Rudy) [canzone]
  • Ci rotoleremo tutti nella fuliggine e sembreremo dei terranova! (Pongo)

Dialoghi

  Citazioni in ordine temporale.

  • Anita Come stai?
    Crudelia: Miseramente, cara! Come al solito, superbamente a pezzi!
  • Anita: Crudelia, hai una nuova pelliccia.
    Crudelia: Oh, è il mio unico amore, tesoro: io vivo per le pellicce, adoro le pellicce!
  • Gaspare : Buonasera, signora, dobbiamo controllare gli impianti e gli interruttori.
    Orazio: Siamo della società del ca...
    Gaspare: Elettrica, elettrica!
    Orazio: Ah, società elettrica.
  • Colonnello: Sembra un numero... tre per cinque tredici.
    Sergente: Ehm, fa quindici, signore.
    Colonnello: Beh, è quindici, naturalmente. [Ascolta Tony] Eh... ma... macchiati... ciccio? No, no, ciccioli.
    Capitano: Ciccioli, signore?
    Colonnello: Quindici ciccioli macchiati rapiti, oh cretinate.
    Sergente: È meglio controllare, colonnello.
    Colonnello: Oh? Eh già, forse è meglio. [Ascolta Tony] Due guaiti, un punto e una linea.
    Sergente: Allora è cuccioli, signore.
    Colonnello: Ma naturalmente, cuccioli.
    Sergente: Colonnello, colonnello, ora ricordo. Alcune notti fa ho sentito guaire dall'antro dell'inferno.
    Colonnello: Vuoi dire nella vecchia casa dei De Mon? Oh sciocchezze, Tibs. Non ci abita nessuno da anni.
    Capitano: Signore, c'è del fumo che esce dal camino.
    Colonnello: Per Giove. È strano, strano davvero. Suppongo sia meglio indagare.
  • Crudelia: Non m'importa di come ammazzerete quei vermiciattoli, purché lo facciate! E subito!
    Gaspare: Ah, signorina, abbia un po' di compassione... ci lasci vedere il resto dello spettacolo!
    Orazio: Alla TV c'è Qual è il mio reato!
  • Gaspare: Qui piccoli, andiamo, non nascondetevi al vecchio zio Gaspare. Non voglio farvi male.
    Orazio: Ma come? Non dovevamo accopparli?
    Gaspare: Zitto tu!
  • Orazio [quando i cani fuggono sul torrente ghiacciato]: E se sono andati lungo il torrente ghiacciato? Per non lasciare tracce?
    Gaspare: Orazio, sei un idiota! I cani non sono tanto furbi!
  • Crudelia: Idioti! Che babbei! Oh che imbecilli!
    Gaspare: Chiudi il becco.

Altri progetti