Apri il menu principale
Giorgio Scerbanenco

Giorgio Scerbanenco al secolo Volodymyr-Giorgio Šerbanenko (1911 – 1969), scrittore e giornalista italiano di origine ucraina.

Citazioni di Giorgio ScerbanencoModifica

  • Anche la frase del saggio, nella bocca dello stolto, diviene un'ingiuria, un irritante suono, perché è detta da chi non ne misura la potenza. E anzi l'ignora.[1]
  • La società è un gioco, vero? Le regole del gioco sono scritte nel codice penale, in quello civile e in un altro codice, piuttosto vago e non scritto, detto codice morale. Saranno codici molto discutibili, che devono essere continuamente migliorati, ma, o si sta alle loro regole, o non ci si sta. L'unico trasgressore alle regole del gioco che io posso rispettare è il bandito col trombone che si nasconde per le montagne: lui non sta alle regole del gioco, lui, anzi, dice chiaramente che non vuol giocare alla bella società e che le regole se le fa lui come vuole, col fucile. Ma i bari no, li odio e li disprezzo. Oggi ci sono i banditi con l'ufficio legale a latere, imbrogliano, rubano, ammazzano, ma hanno già studiato la linea di difesa con il loro avvocato nel caso fossero scoperti e processati e non vengono mai puniti abbastanza. Vogliono che gli altri stiano al gioco, alle regole, ma loro non ci vogliono stare.[2]
  • Un calcio a piede nudo ha una sua particolare efficacia, può avere perfino effetti superiori a quelli di un calcio con la scarpa.[3]

Uomini ragnoModifica

  • Io mi vergogno di essere uomo, capitano! Io do le dimissioni da uomo! (p. 52)
  • Così era dolce dormire in quell'alba di febbraio, nella dolce grande città di Milano. E continuare a dormire, insieme, anche con la nuca forata dai proiettili. (p. 68)
  • [...] in tutto il mondo aleggiava in un modo o nell'altro, là mostruosa, qui più lieve, la paura e solo la paura. (p. 167)

Incipit di Venere privataModifica

«Come si chiama lei?»
«Marangoni Antonio, io sto lì, alla Cascina Luasca, sono più di cinquant'anni che tutte le mattine vado a Rogoredo in bicicletta.»[4]

NoteModifica

  1. Da Il mestiere di uomo, N. Aragno, 2006.
  2. Da Venere privata, ne La Milano nera di Scerbanenco.
  3. Da Traditori di tutti, ne La Milano nera di Scerbanenco.
  4. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

BibliografiaModifica

  • Giorgio Scerbanenco, La Milano nera di Scerbanenco, a cura di Oreste Del Buono, Garzanti, 1972.
  • Giorgio Scerbanenco, Uomini ragno, a cura di Roberto Pirani, Sellerio, 2006. ISBN 8838921334

Altri progettiModifica