Comunione e Liberazione

aggregazione laicale cattolica fondata dal presbitero e teologo Luigi Giussani

Comunione e Liberazione (CL), aggregazione laicale cattolica.

Uno striscione di Comunione e Liberazione

Citazioni su Comunione e Liberazione

modifica
  • A Rimini, cioè in casa propria (ma anche nostra, almeno per il momento), questi signorini non hanno fatto altro che fischiare tutto ciò che è italiano, acclamare al nuovo beato Pio IX, il Papa-Re che pretendeva di impedire il processo di unificazione nazionale, ed esaltare come i veri eroi del risorgimento i Borboni e i briganti del Cardinale Ruffo. A lei, tutto questo va bene? A me, dà il vomito. (Indro Montanelli)
  • Comunione e liberazione era un gruppo compatto. Chi ne faceva parte viveva un'esperienza religiosa forte e, nello stesso tempo, riceveva indicazioni univoche anche per orientarsi nel mondo: in quello del lavoro e degli affari e in quello della politica. (Gianni Barbacetto)
  • I preti di Milano e le loro comunità, nella stragrande maggioranza, hanno sempre guardato con sospetto i gruppi di Cl che crescevano ai margini delle parrocchie, considerati come una sorta di setta autonoma che non riconosce l'autorità diocesana e, per di più, tende a mescolare in maniera spregiudicata e disinvolta religione, politica e affari. (Gianni Barbacetto)
  • Il livello più alto di Cl s'è avuto quando la sua presenza politica era al minimo, negli anni 80. (Antonio Socci)
  • Il suo successo è sempre stata l'originalità, di cui oggi non si vede più traccia. (Antonio Socci)
  • Io ringrazio il cielo per non essere nato un bigotto, | per non essere un ciellino o un fissato all'enalotto. (Fabri Fibra)
  • Non ho mai capito che cosa sia esattamente Comunione e Liberazione, né cosa intendesse veramente dire il suo fondatore don Giussani, la cui prosa fiammeggiante e misteriosa è uno dei rebus irrisolti del ventesimo secolo. Per questo leggo diligentemente, e da parecchi lustri, le cronache del meeting di Rimini, cercando di rimediare a questa lacuna. Ma devo ammettere che più leggo, meno capisco. (Michele Serra)
  • Cos'è Comunione e Liberazione? Che cosa rappresenta per la politica italiana? Perché ogni anno, ministri, Presidente del Consiglio, sentono la necessità di chiedere la benedizione venendo in pellegrinaggio a Rimini, come una volta facevano i Re con i Papi? Quando la Chiesa caccerà i mercanti dal Tempio?
  • Siete l'immagine di una Chiesa privata, che, ogni anno, forte del suo bacino di voti, si ritrova qui a parlare di valori cristiani e dell'amicizia, ma ne esce rinnovata negli affari. Lo dimostrano anche i vostri sponsor che rimangono gli stessi di sempre, tra big privati, Regioni, partecipate dello Stato o sue grosse concessionarie ed imprese della galassia della Compagnia delle Opere: Finmeccanica, l'azienda dell'ex presidente Orsi (vicino a CL), arrestato; Intesa San Paolo, una delle banche più aiutata dal decreto IMU-Bankitalia. Una banca che ama la guerra, investendo milioni in armi; Eni, costruisce da anni sulla corruzione internazionale e la politica estera di tutti i governi che si sono succeduti, di destra di sinistra, di centro. (ricordiamo l'AD Descalzi accusato per corruzione); Nestlè: una multinazionale che ha causato disastri e drammi sociali in tutto il mondo, dalle infrazioni legate alla commercializzazione del latte materno, al cibo contaminato venduto in Venezuela, all'uso – non dichiarato – di prodotti transgenici, fino alle denunce per schiavitù e manodopera minorile; Lottomatica, in un paese dove la malattia del gioco d'azzardo è considerata una delle patologie emergenti a causa della crisi: ringrazia per i condoni fiscali del governo.
  • [Rivolto alla platea del meeting di Comunione e Liberazione] Vi ringrazio per l'invito: non sono qui per prendere applausi, non sono qui per cercare consensi. [...] Onestamente sono qui per denunciare come Comunione e Liberazione, la più potente lobby italiana, abbia trasformato l'esperienza spirituale e morale, in un paravento di interessi personali, finalizzati sempre e comunque a denaro e potere. La politica deve essere laica, perché deve fare il bene comune, di tutti. Non esiste una politica cristiana. Esiste un cristiano che fa politica. Il Movimento 5 Stelle si indigna che si possa strumentalizzare in questo modo tanta brava gente e credenti cattolici. Negli anni avete generato un potere politico capace di influenzare sanità, scuole private cattoliche, università e appalti. Sempre dalla parte dei potenti, sempre dalla parte di chi comanda. Sempre in nome di Dio. «Non potete servire Dio ed il denaro», Luca 16,13.

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica