Compagnia di Gesù

istituto religioso maschile di diritto pontificio

Citazioni sulla Compagnia di Gesù e i gesuiti.

Emblema della Compagnia di Gesù, attribuito al fondatore Ignazio di Loyola

Citazioni

modifica
  • Dai gesuiti ho imparato una lezione: più che rassicurare i fedeli, bisogna preoccuparsi di evangelizzare gli infedeli. (Piero Fassino)
  • Egli [Vincenzo Gioberti] trova un Gesuitismo esistente quando Gesuiti non erano al mondo, e che resterebbe superstite quando questi ne fossero succisi dalle radici: egli vede la Chiesa costretta di lacci vergognosi dal Gesuitismo: egli lamenta l'uomo cattolico imbastardito, l'uomo italiano rimpastato e rifatto in peggio dal Gesuitismo: egli asserisce i paesi cattolici trovarsi enormemente inferiori ai paesi eterodossi in opera di culto civile per colpa del Gesuitismo: egli non conosce gloria maggiore dei Governi italiani che far testa alle invasioni del Gesuitismo; né la finerei più a riferire anche una metà delle gigantesche censure che egli appicca a quel mostro paurosissimo. (Carlo Maria Curci)
  • I Gesuiti si introdussero nella società elegante, nelle Corti, raccomandati dalla cultura, stimabili generalmente per una vita di maggiore austerità e dignità che non quella degli altri ordini monastici. E diventarono così una formidabile potenza politica. Ma di preferenza i Gesuiti si impadronirono dello strumento che più direttamente avrebbe foggiato le coscienze dell'avvenire: la scuola : specialmente la scuola, onde sarebbero uscite le classi dominanti: l'Università e i corsi che noi chiamiamo secondari, e allora si chiamavano di umanità. Coi Gesuiti la scuola – contrastata tra ecclesiastici e laici e poi prevalentemente laica nel periodo umanistico – ridiventa ecclesiastica e confessionale. E si cerca di isolarla sempre più dalla vita e dagli esempi della realtà con la istituzione dei collegi, onde gli alunni escano perfettamente foggiati sulla mentalità e spiritualità dei maestri. (Eugenio Donadoni)
  • In nessuna «Compagnia» Gesù si sarebbe trovato peggio che in quella che porta il suo nome. (Roberto Gervaso)
  • La Compagnia di Gesù, che per anni era stata bersagliata dal fuoco incrociato dei liberali, dei democratici e di una parte dei cattolici-liberali e che nel '48 era stata colpita in vari Stati da provvedimenti di espulsione, ebbe in questa lotta [contro il cattolicesimo liberale e contro tutte le tendenze che, all'interno della Chiesa, auspicavano riforme più o meno vaste dell'ordinamento ecclesiastico] una funzione di avanguardia e accrebbe grandemente la sua influenza a Roma e in tutto il mondo cattolico. (Giorgio Candeloro)
  • Nei tempi difficili in cui la Compagnia di Gesù si è trovata e si trova, la santa Sede non le venne mai meno, perché s'avvedeva che le imprecazioni contro i Gesuiti non erano in Germania, e in Francia, nella Svizzera e nella Spagna che un grido di guerra, un segnale di riunione dato dalle buffonesche ipocrisie dell'empietà rivoluzionaria collegata con ogni sorta di fanatismo. (Jacques Crétineau-Joly)
  • Per aggiungere lo scherno alla infamia, il pontefice [Gregorio XVI] volle che i gesuiti percorressero le Romagne a far le missioni. Vennero; profondevano indulgenze plenarie; piantavano croci nelle pubbliche piazze; accendevano le menti degli ignoranti con ogni specie di falsità; proclamavano aperto il paradiso solo a chi difendeva il papa dalle male intenzioni dei liberali: ciò essere, predicavano, decreto di Cristo, della Vergine, e di tutta la sequela dei santi. (Felice Orsini)
  • [...] proprio gli scienziati gesuiti sono i materialisti più estremi nel campo della ricerca scientifica. Non solo dimostrano di continuo che con la scienza non si può pervenire allo spirito, ma si danno pena, dove ciò sia possibile, di tener lontano lo spirito dalla scienza. (Rudolf Steiner)
  • Se seminerete dei gesuiti, raccoglierete dei ribelli. (Napoleone Giuseppe Carlo Paolo Bonaparte)
  • I gesuiti sono il nervo della fazione illiberale e il tarlo o il flagello degli Stati che li ricettano.
  • I gesuiti sono insieme i demagoghi e gli oligarchi della Chiesa, turbandola coi raggiri, coi soprusi, colle liti teologiche e sotto specie di ubbidienza mirando a metterla in servitù.
  • I gesuiti sono una frateria e una conventicola, un'accolta di divoti e una setta di congiuranti; ma per molti di loro la politica è la parte principale e il fine, a cui serve di mezzo e di mantello la religione.

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica