Claudio Claudiano

poeta romano

Claudio Claudiano (330 – 404), poeta ed autore latino.

Il rapimento di Proserpina, Gian Lorenzo Bernini, Galleria Borghese

Citazioni di Claudio ClaudianoModifica

  • La presenza diminuisce la fama.
Minuit praesentia famam. (da De bello gildonico, 385[1])
  • O Pollenzia, degna dei miei canti per i secoli eterni! | O nome insigne, o luogo di felici trionfi! | O suolo destinato alle vittorie, o memorando sepolcro | di barbari! Spesso in quei confini, su quella terra | piena tornò la vendetta ai Quiriti sfidati. | Qui la cimbrica bufera, destata dalle lagune | dell'ultimo Oceano, erompendo anche allora per le Alpi, | su questi stessi campi si arrestò. Confondano presto | le età future le ossa delle due razze sorelle | e un solo trofeo si fregi di duplice onore: | «Qui l'itala terra copre i Cimbri e i fieri Goti, | annientati da Stilicone e da Mario, eroici capi. | Sappiate, popoli temerari, rispettare Roma».
O celebranda mihi cunctis Pollentia saeclis! | O meritum nomen! felicibus apta triumphis! | Virtutis fatale solum, memorabile bustum | barbariae! | Nam saepe locis ac finibus illis | plena lacessito rediit vindicta Quirino. | Illic Oceani stagnis excita supremis | cimbrica tempestas alias emissa per Alpes | isdem procubuit campis. Ian protinus aetas | adveniens geminae gentis permisceat ossa | et duplices signet titulos commune trophaeum: |«Hic Cimbros fortesque Getas, Stilichone peremptos | et Mario claris ducibus, tegit Itala tellus. | Discite vesanae Romam non temnere gentes». (da De Bello Gothico, vv. 635-647[2])
  • [Stilicone] O tu più in alto di tutti, o pari al solo Camillo! | Dalle vostre armi infranta si placò la rabbia | di Alarico e di Brenno: entrambi divino soccorso | offriste allo Stato sconvolto, ma egli fu campione | più lento della patria già presa, tu la vendicasti intatta. (da De Bello Gothico, vv. 430-434[3])
Celsior o cunctis unique aequande Camillo! | Vestris namque armis Alarici fracta quievit | ac Brenni rabies; confusis rebus uterque | divinam tribuistis opem, sed tardior ille | iam captae vindex patriae, tu sospitis ultor.
  • Tutto il mondo si conforma all'esempio del re; e a muovere i sentimenti dei sudditi vale più delle leggi la condotta del sovrano.
Componitur orbis | Regis ad exemplum: nec sic inflectere sensus | humanos edicta valent, ut vita regentis. (da De quarto consulatu Honorii, 299-301[4])

Incipit de Il rapimento di ProserpinaModifica

A narrare con canto audace i cavalli dell'inferno seduttore,
e le stelle offuscate dal tenario cocchio
e il talamo tenebroso della regina degli abissi,
i concitati pensieri mi spingono.

Inferni raptoris equos afflataque curru
Sidera Taenario caligantesque profundae
Iunonis talamos audaci promere cantu
Mens congesta iubet.

NoteModifica

  1. Citato in L. De Mauri (Ernesto Sarasino), 5000 proverbi e motti latini. Flores sententiarum. Raccolta di sentenze, proverbi e motti latini di uso quotidiano, in ordine per materie, con le fonti indicate, schiarimenti e la traduzione italiana. 2° edizione riveduta e corretta da Angelo Paredi e Gabriele Nepi, Ulrico Hoepli Editore, Milano, 19902, ristampa 2006, p. 205. ISBN 88-203-0992-0
  2. In Bruno Gentili, Luciano Stupazzini e Manlio Simonetti, Antologia della letteratura latina, traduzione per Claudiano di F. Serpa, Editori Laterza, Roma-Bari, 1989, pp. 930-931.
  3. In Bruno Gentili, Luciano Stupazzini e Manlio Simonetti, Antologia della letteratura latina, p. 920.
  4. Citato, con traduzione, in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto, Ulrico Hoepli Editore, Milano, 1989, ristampa 1995, p. 426, § 1414. ISBN 88-203-0092-3

BibliografiaModifica

  • Claudiano, Il rapimento di Proserpina, traduzione di Franco Serpa, Rizzoli, 1981.

Altri progettiModifica