Apri il menu principale
Cesare Pascarella, 1901

Cesare Pascarella (1858 – 1940), poeta e pittore italiano.

La scoperta dell'AmericaModifica

  • Eppure er mare... er mare, quann'è bello, | Che vedi quel'azzurro der turchino, | Che te sdraj longo li vicino, | Te s'apre er core come 'no sportello. (sonetto XV)
  • Perché er servaggio, lui, core mio bello, | nun ci ha quattrini; e manco je dispiace. | Invece noi che semo 'na famija | de 'na razza de gente più civile, | ce l'avemo e er governo se li pija. (sonetto XXXIII)
  • Si ar monno nun ce fosse er matrimonio, | Ma sai si quanta gente sposerebbe! (sonetto XXXVIII)

Storia nostraModifica

  • Pensannoce a l'ingrosso nun te pare: | Ma si invece poi tu te c'immedesimi, | Li mijoni so' fatti de centesimi. (da I sonetti, Storia nostra, le prose, a cura dell'Accademia dei Lincei, Mondadori, 1955)

SonettiModifica

  • Ma c'è la chiusa poi dell'urtim'atto, | Quanno che lui s'ammazza e ammazza lei, | Che, te dico, m'ha proprio soddisfatto. (La tragedia, da La scoperta dell'America e altri sonetti, a cura dell'Accademia dei Lincei, Mondadori, 1951)
  • Piffe e paffe, se sbatteno ar duello | E er fratello, se sa, ce va de sotto. | Der rimanente a me me fece spece, | Perché, qualora lui l'aveva offeso, | Nun doveva fa' mai quello che fece. | Io, ner caso de quelli che cantaveno, | Invece der duello, avressi inteso! | Li cazzotti, percristo, furminaveno. (Er Fausto, da La scoperta dell'America e altri sonetti, a cura dell'Accademia dei Lincei, Mondadori, 1951)
  • Ma tu parla co' Nina la mammana, | Che de 'sta roba se n'intenne a fonno, | Be', che dice? Che l'opera italiana | È la più mejo musica der monno. (La musica nostra, da La scoperta dell'America e altri sonetti, a cura dell'Accademia dei Lincei, Mondadori, 1951)
  • Ma ricordete tu a li tempi antichi | De 'ste giornate! Dì la verità, | Si ci avevi parenti stretti, amichi, | Dì un po', che je mannavi a regalà'? | Je mannavi 'na pizza, un boccioncino, | Du' pollastri, 'na spigola, un cappone, | Che so? 'na coppelletta de Marino. | Mo invece, co' 'sta moda, a le persone | Che conoschi je manni er bijettino, | E te n'eschi co' 'n pezzo de cartone. (Li bijetti de visita, da La scoperta dell'America e altri sonetti, a cura dell'Accademia dei Lincei, Mondadori, 1951)
  • Diceva bene Checco a l'osteria: | «Ogni omo deve avécce er suo pensiero». | Pensi bianco? Si un antro pensa nero, | Rispetteje er pensiero e cusì sia. | Vor di', si te ce trovi in compagnia, | Je poi di': – Tu te sbaji... Nun è vero... – | Ma, sempre semo lì, vacce leggero, | Perché ar monno ce vo' filosofia. | E scrìvetelo drento a la ragione, | Che fra l'omo e er principio cambia aspetto. | Io defatti, si in quarche discussione | Trovo che di' co' quarche giovenotto, | Quello che sia principio lo rispetto, | Ma quello che sia omo lo scazzotto. (Li principii, da La scoperta dell'America e altri sonetti, a cura dell'Accademia dei Lincei, Mondadori, 1951)
  • L'amichi? Te spalancheno le braccia | Fin che nun hai bisogno e fin che ci hai; | Ma si, Dio scampi, te ritrovi in guai, | Te sbatteno, fio mio, la porta in faccia. ('Na predica de mamma, da La scoperta dell'America e altri sonetti, a cura dell'Accademia dei Lincei, Mondadori, 1951)
  • Che ar monno, a 'sta Fajola d'assassini, | Lo voi sapé' chi so l'amichi veri? | Lo voi sapé' chi so'? So' li quatrini. ('Na predica de mamma, da La scoperta dell'America e altri sonetti, a cura dell'Accademia dei Lincei, Mondadori, 1951)
  • Guarda jeri: che c'era? Roba andante; | Er solo morto de quer fruttarolo | Che scoperse la moje co' l'amante. | E che antro? Gnent'antro, t'aricordi? | Eppure, vedi, co' quer morto solo | Ci ho guadambiato venticinque sòrdi. (Li giornalisti, da La scoperta dell'America e altri sonetti, a cura dell'Accademia dei Lincei, Mondadori, 1951)
  • Ecco er fatto. Lo prese drent'al letto, | Dove stava in campagna in un casino; | Je sigillò la bocca còr cuscino, | E j'ammollò 'na cortellata in petto. | Dunque, ferita all'undici; ce metto | Uno, er giorno; quarantatré, assassino: | Vado giù da Venanzio er botteghino | Ar Popolo e ce butto un pavoletto. | A l'estrazione, sabeto passato, | Ce viè' l'ambo; ma invece de ferita | M'esce settantadue: morto ammazzato. | Ma guarda tante vorte er Padreterno | Come dà la fortuna ne la vita! | Si l'ammazzava ce pijavo er terno. (Er terno, da La scoperta dell'America e altri sonetti, a cura dell'Accademia dei Lincei, Mondadori, 1951)
  • Dice: – Regazzi! pronti, su le scene. – | Com'entramo, li fischi se spregorno. | Ah, dico fra de me, comincia bene! (La comparsa, sonetto I, da La scoperta dell'America e altri sonetti, a cura dell'Accademia dei Lincei, Mondadori, 1951)
  • Ma intanto, guarda si cos'è la vita! | Lei pareva morisse de dolore; | S'era ridotta un osso; era spedita; | E si la vedi mo, te pare un fiore. | E jeri venne qui tutta vestita | De festa, e dice: – A voi, sor Sarvatore, | Ve porto 'sti confetti. – Se marita? – | – Sposa domani un antro muratore. | Te capacita? Dopo tante doje... | E poi, no pe' di' male, Dio ne guardi! | Ma ar morto, lei, lo sai? nun j'era moje. | – Nun j'era moje? E er fio? – Casa Projetti. | – Ma come? L'hanno messo a li bastardi? | – Cose der monno. – Damme du' confetti. (Cose der monno, sonetto III, da La scoperta dell'America e altri sonetti, a cura dell'Accademia dei Lincei, Mondadori, 1951)
  • Perché la storia si pe' l'antri è storia, | Pe' nojantri so' fatti de famija. (XXXIV; citato in Chiara Frenquellucci, Roma nostra: the poetry of unification in the sonnets of Cesare Pascarella, in Annali d'Italianistica, 2010)
  • 'Na vorta 'no scurtore de cartello, | Dopo fatto un Mosè ch'era un portento, | Je disse: «Parla!» e lì co' lo scarpello | Scorticò sur ginocchio er monumento. || Io pure mo ch'ho fatto st'asinello | Provo quasi l'istesso sentimento; | Ma invece d'acciaccallo cór martello | Lo licenzio co' sto ragionamento: || Fratello! In oggi, ar monno, senza ciarla, | Starai male dovunque te presenteno, | Dunque, per cui, si vôi fa' strada, parla. | E parla!, ché si parli, sur mio onore, | Cór fisico che ci hai, come te senteno, | Si tu parli, te fanno professore.. (Io... e l'asino mio, Roux e Viarengo, p. 16)
  • L'amichi? Te spalancheno le braccia | Fin che nun hai bisogno e fin che ci hai; | Ma si, Dio scampi, te ritrovi in guai, | Te sbatteno, fio mio, la porta in faccia. || Tu sei giovene ancora, e sta vitaccia | Nu' la conoschi; ma quanno sarai | Più granne, allora te n'accorgerai | Si a sto monno c'è fonno o c'è mollaccia. || No, fio mio bello, no, nun so' scemenze | Quer che te dice mamma, sti pensieri | Tietteli scritti qui, che so' sentenze; || Che ar monno, a sta Fajola d'assassini, | Lo vòi sapé' chi so' l'amichi veri? | Lo vòi sapé' chi so'? So' li quatrini.. ('Na predica de mamma, Roux e Viarengo, p. 22)
  • Dopo fatta 'sta prima operazione, | Lì, ce se fece notte in mezzo a fiume: | C'era nell'aria come n'oppressione | De fracico e 'na puzza de bitume: || Nun se sentiva che scrocchià' er timone | Pe' nun impantanasse ner patume; | E verso Roma, in fonno a l'estensione, | Se vedeva ariluce' come un lume. || Un lume che sur celo era 'n chiarore. | E lì pe' fiume, in quer silenzio tetro, | Fòr che l'acqua non c'era antro rumore. || E in fonno a la campagna, a l'aria quieta, | De notte, er cupolone de San Pietro | Pareva de toccallo co' le deta..(da Villa Gloria, sonetto VI, Roux e Viarengo, p. 98)
  • Vedi noi? Mo noi stamo a far bardoria: | Nun ce se pensa e stamo all'osteria... | Ma invece stamo tutti ne la storia.. (da La scoperta dell'America, Sonetto V, Roux e Viarengo, p. 127)
  • E li ministri de qualunque Stato | So' stati sempre tutti de 'na sètta! | Irre orre... te porteno in barchetta, | E te fanno contento e cojonato.. (da La scoperta dell'America, Sonetto VII, Roux e Viarengo, p. 129)
  • Eppure er mare... er mare, quann'è bello, | Che vedi quel'azzurro der turchino, | Che te ce sdraj longo lì vicino, | Te s'apre er core come 'no sportello. || Che dilizia! Sentì' quer ventarello | Salato, quer freschetto fino fino | Dell'onne, che le move er ponentino, | Che pare stieno a fa' a nisconnarello! || Eppure... sotto a tutto quer celeste, | Ma, dico, dimme un po', chi lo direbbe | Che ce cóveno sotto le tempeste?. (da La scoperta dell'America, Sonetto XV, Roux e Viarengo, p. 137)
  • Eh, l'omo, tra le granfie der destino, | Diventa tale e quale a un giocarello | Che te càpita in mano a un regazzino: | Che pò esse' er più bello che ce sia, | Quanno che ci ha giocato un tantinello, | Che fa?, lo rompe, e poi lo butta via. (da La scoperta dell'America, Sonetto XLIV, Roux e Viarengo, p. 166)
  • Ma guarda! Si c'è un omo de talento, | Quanno ch'è vivo, invece de tenello | Su l'artare, lo porteno ar macello, | Dopo more, e je fanno er monumento. || Ma quanno è vivo nu' lo fate piagne', | E nun je fate inacidije er core, | E lassate li sassi a le montagne. || Tanto la cosa è chiara e manifesta: | Che er monumento serve pe' chi more? | Ma er monumento serve pe' chi resta.. (da La scoperta dell'America, Sonetto XLV, Roux e Viarengo, p. 167)

Citazioni su Cesare PascarellaModifica

  • Noi abbiamo qualche puro disegnatore che nulla ha da invidiare a certi acclamati francesi. Basterebbe nominare tre nomi: Cesare Pascarella, Luigi Arnaldo Vassallo e Pietro Scoppetta, i quali farebbero con una collezione dei loro disegni patetici o ironici, mollemente sensuali o rudemente sintetici, la fama di qualunque esposizione. (Ugo Ojetti)

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica