Cavalleria rusticana

opera di Pietro Mascagni
(Reindirizzamento da Cavalleria rusticana (opera))

Cavalleria Rusticana, opera lirica in un atto tratta dalla omonima novella di Giovanni Verga, musica di Pietro Mascagni, libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e di Guido Menasci. Fu rappresentata per la prima volta al Teatro Costanzi di Roma il 17 maggio 1890.

Locandina di Cavalleria rusticana e Zanetto.

IncipitModifica

Siciliana

  • Turiddu: O Lola ch'ai di latti la cammisa | sì bianca e russa comu la cirasa, | quannu t'affacci fai la vucca a risa, | biatu cui ti dà lu primu vasu![1] | 'Ntra la porta tua[2] lu sangu è sparsu, | e nun me mporta[3] si ce muoro accisu... | E s'iddu muoru e vaju mparadisu[4] | si nun ce truovu a ttia, mancu ce trasu. (dallo spartito)[5]
Traduzione: O Lola che hai di latte la camicia così bianca e rossa come una ciliegia, quando t'affacci e atteggi la bocca al riso, beato chi ti dà il primo bacio! Dietro la tua soglia è sparso il sangue, ma non me ne importa se muoio ucciso... E se muoio e vado in paradiso, se non ci trovo te manco ci entro.
Versione in lingua italiana: O Lola, bianca come fior di spino, | quando t'affacci tu, s'affaccia il sole; | chi t'ha baciato il labbro porporino | grazia più bella a Dio chieder non vôle. | C'è scritto sangue sopra la tua porta, | ma di restarci a me non me n'importa; | se per te muoio e vado in paradiso, | non c'entro se non vedo il tuo bel viso. (dal libretto)

CitazioniModifica

  • Alfio:Il cavallo scalpita, | i sonagli squillano, | schiocchi la frusta – Ehi là! – | Soffi il vento gelido, | cada l'acqua e nevichi, | a me che cosa fa?
  • Santuzza, Lucia e coro: Inneggiamo, il Signor non è morto, | Ei fulgente ha dischiuso l'avel, | inneggiamo al Signore risorto! | oggi asceso alla gloria del Ciel!
  • Turiddu, poi coro: Viva il vino spumeggiante | nel bicchiere scintillante, | come il riso dell'amante | mite infonde il giubilo! | Viva il vino ch'è sincero | che ci allieta ogni pensiero, | e che affoga l'umor nero, | nell'ebbrezza tenera.

NoteModifica

  1. Nel libretto: "biatu pi lu primu cu ti vasa!"
  2. Nel libretto: "Ntra la puorta tua".
  3. Nel libretto: "ma nun me mpuorta".
  4. Nel libretto: "e si ce muoru e vajun'n paradisu".
  5. Un altro incipit è: O Lola c'hai di latti la cammisa | si bianca e russa comu la cirasa, | quannu t'affacci fai la vucca a risa, | biatu pì lu primu cu ti vasa! | Ntra la puorta tua lu sangu è spasu, | ma nun me mpuorta si ce muoru accisu ... | e si ce muoru e vaju 'n paradisu | si nun ce truovo a ttia, mancu ce trasu. Da Giovanni Targioni-Tozzetti, Guido Menasci, e Pietro Mascagni, Cavalleria rusticana, Mitthenthal Bros. and S.S. Kronberg.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica