Carlotta Antonelli

attrice italiana

Carlotta Antonelli (1995 – vivente) attrice italiana.

Citato in Carlotta Antonelli: «Il lavoro mi ha salvata»

Mario Manca, vanitifayr.it, 7 maggio 2019.

  • Mi ero ribellata ai miei per via della scuola: mi hanno costretto a fare il liceo classico che non volevo fare e, dopo 3 anni in cui venivo bocciata o rimandata, ho cercato di parlare con loro, ma niente. I miei genitori sono separati: mio padre era più tranquillo, ma mia madre viveva tutto con grande apprensione e così, quando ho cambiato scuola per farne altre e non andavano neanche quelle, ho detto basta. È stato un modo per scappare, evadere da quella che mi sembrava una gabbia».
  • Mi piacerebbe dedicarmi al cinema, quello bello che non si fa per industria o per il profitto ma quando c’è l’amore e la passione per l’arte. Anche se posso sembrare la principessa con il sogno nel cassetto, mi piacerebbe lavorare con Luca Guadagnino, ma anche con i fratelli D’Innocenzo che stimo da morire e che conosco abbastanza bene. In Italia, in realtà, ci sono poche persone che mi vengono in mente.
  • Non avevo nessun piano: ero senza un’idea, senza una direzione. Ero una ragazza che voleva lasciare la scuola, ma che non aveva una passione. L’unica era il canto, ma non l’ho mai detto a nessuno. Non sapevo cosa mi sarebbe successo il giorno dopo, figuriamoci se pensavo a cosa avrei fatto da grande. Il lavoro, in questo senso, mi ha salvata da questo continuo vagare.
  • Nonostante non possa essere d’accordo su alcune cose che ho fatto e che avrei voluto fare meglio, riconosco di aver avuto una fortuna enorme. Vengo da una famiglia di artisti – i miei sono fotografi e i miei fratelli cantano e suonano – ma ho sempre sentito di essere partita da zero, senza nessuno a darmi il classico calcio in culo che ti porta lontano. Se ripenso a tutto quello che ho fatto, mi chiedo: com’è possibile che sia successo? È incredibile.

Altri progettiModifica