Azeglio Vicini

allenatore di calcio e calciatore italiano

Azeglio Vicini (1933 – 2018), calciatore e allenatore di calcio italiano.

Azeglio Vicini in una figurina del 1962

Citazioni di Azeglio ViciniModifica

  • [Su Arrigo Sacchi] Si sapeva già a maggio [del 1992] che gli stavo scaldando la panchina. Berlusconi non lo voleva più al Milan e ha fatto il suo interesse, la Federcalcio è stata piuttosto debole. Alla prima partita di Sacchi Rizzitelli mi dedica il gol fatto alla Norvegia e guarda caso da allora non è più stato convocato. Sacchi non condivide le mie idee e io non condivido le sue.[1]

Citazioni su Azeglio ViciniModifica

  • [Gaffe] Il ct Vicini è caduto dal balcone di casa: cose che succedono. (Gianfranco De Laurentiis)
  • Legge di Vicini: una porta se c'è la maniglia vuol dire che abbiamo sbagliato campo. (Gino e Michele)
  • [Sul campionato mondiale di calcio 1990] Vicini commise un unico, gigantesco errore [...] Una volta giunti a mezz'ora dalla fine al San Paolo, sull'1-0 in semifinale, c'era una sola cosa da fare: inserire me per farmi marcare a uomo Maradona. [...] Avrei seguito il Pibe de oro come un'ombra, non lasciandolo più giocare. [...] Invece Vicini fece dei cambi assurdi e mi lasciò in panchina. Avrebbe potuto inserire pure qualche altro mediano, per dare consistenza al centrocampo. [...] Per assecondare la sua mentalità offensiva scelse di rimanere con l'assetto iniziale... Di fatto, ha buttato via un Mondiale per tenere fede alla sua filosofia. (Pietro Vierchowod)

NoteModifica

  1. Citato in Gianni Mura, Azeglio Vicini, il maestro garbato che ebbe poca fortuna, Rep.repubblica.it, 31 gennaio 2018.

Altri progettiModifica