Ti presento i miei

film del 2000 diretto da Jay Roach

Ti presento i miei

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Meet the Parents

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2000
Genere commedia romantica
Regia Jay Roach
Soggetto Greg Glienna, Mary Ruth Clarke
Sceneggiatura James Herzfeld, John Hamburg
Produttore Jay Roach, Robert De Niro, Jane Rosenthal
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Ti presento i miei, film statunitense del 2000 con Ben Stiller e Robert De Niro, regia di Jay Roach. Il film è il prequel di Mi presenti i tuoi?, del 2004 e di Vi presento i nostri, del 2010.

FrasiModifica

  • Senti, Fotter, sono un tipo paziente- dopo diciannove mesi in un campo di prigionia in Vietnam lo diventi- ma io mi metterò ad osservarti, studierò ogni tua piccola mossa, e se scoprirò che tu stai cercando di corrompere mio figlio primogenito io te la farò pagare bambino, te la farò pagare cara e amara. (Jack)
  • Devi schiacciare la palla, Fotter! La devi schiacciare! (Jack)
  • Stupido gatto?! Come puoi dire questo! Quel gatto è stato come un fratello per te: dovremmo lasciarlo vagare per strada senza cibo né acqua né gabinetto? (Jack)
  • Dovremmo lasciarlo vagare per strada senza cibo né acqua né gabinetto, Fotter!? (Greg mentre pappagalleggia Jack)

DialoghiModifica

  • Pam: Greg, amore, come va?
    Greg: Oh, benissimo... considerando che ho dissacrato i resti di tua nonna, scoperto che sei stata fidanzata e che tuo padre mi ha chiesto di mungerlo!
  • Jack: Sono realista: capisco che è il XXI secolo e che avrai già avuto rapporti pre-matrimoniali con mia figlia, ma sotto il nostro tetto o si fa modo mio o ci si ritrova presto a dire addio. Ci siamo capiti?
    Greg: C-certamente...
    Jack: Bene, tieni il pitone sotto chiave per 72 ore.
  • Pam: Che c'è, non riesci a dormire?
    Greg: No, no... sto solo ripassando le risposte all'esame della verità che tuo padre mi ha fatto.
    Pam: No, non è vero...
    Greg: Sì, invece.
    Pam: E tu... gli hai mentito?
    Greg: No! Insomma... mi ha chiesto se viviamo insieme e...
    Pam: Che gli hai risposto?!
    Greg: Io...io... niente! È arrivata tua madre e mi ha strappato quei cosi prima che rispondessi! Se ti dicessi che mi hanno infilato delle canne di bambù sotto le unghie reagiresti così, eh?! O lui attacca tutti i tuoi ragazza alla sua macchinetta?
    Pam: Lui non ha bisogno di una macchina, è un rilevatore umano di bugie.
    Greg: Cosa?
    Pam: Greg, mio padre non ha mai lavorato nel campo dei fiori rari, è solo la sua copertura. E'stato nella CIA per 34 anni.
    Greg: E perché non me l'hai mai detto?
    Pam: Volevo farlo tesoro, ma era consentito solo se "ritenuto indispensabile".
    Greg: A-allora, sentiamo è nella CIA, era una spia, è una spia...?
    Pam: No, era più una specie di esaminatore psicologico, lo usavano per interrogare i sospetti di doppio gioco nella compagnia.
    Greg: Oh, è... fantastico. Sì, ero terrorizzato da tuo padre quando lo ritenevo un fioraio, è un sollievo sapere che è un esaminatore della CIA, uno spione attaccato alle chiappe!
  • Jack: Greg nessuno si aspetta molto da te: se ti passo la palla ce la fai a saltare su e a schiacciarla?
    Greg: Sì, anche se siamo in acqua sì.
    Jack: Con l'erba staresti meglio, eh?
  • Greg: La vostra linea aerea fa schifo a imbarcare le valigie, chiaro? Perché l'ho già fatto una volta e l'avete persa, e poi è andato tutto a puttane, è stato un inferno per me!
    Assistente di volo: Posso assicurarle che la sua valigia sarà più che al sicuro insieme alle altre.
    Greg: Ah sì?! Come lo sa che la mia valigia sarà al sicuro insieme alle altre, eh? La prenderà lei fisicamente e la metterà nella stiva? Andrà lei adesso, fuori, con i tizi con i paraorecchie e ce la metterà? No? Allora chiuda quel buco dentato e mi stia a sentire: quando dico che ho smesso di affrontare l'argomento "Imbarcare"...!
    Assistente di volo: Signore, su questa linea aerea se il bagaglio ha queste dimensioni dobbiamo metterla...
    Greg: Sa che c'è? Tolga le sue zampacce immonde dalla mia valigia, chiaro?! Non è che ho una bomba qui! Non voglio far esplodere l'aereo, voglio solo riporre la valigia secondo le vostre regole di sicurezza!
    Assistente di volo: Signore...!
    Greg: Se si ferma un secondo e si toglie quei bastoncini dalla testa e ci si pulisce le orecchie, forse capisce che sono una persona con dei sentimenti e non deve fare altro che fare quello che voglio io! E quello che voglio io è uncinarmi alla mia valigia e non sentire i suoi discorsi! E il solo modo per farmi mollare la presa è che lei venisse qui in questo momento e le volesse strappare dalle mie dita morte e senza vita! Chiaro? Se la libera dalla mia presa kung fu, venga e se la prenda, chiaro? Altrimenti smamma, battona!

ExplicitModifica

Jack: Sai, Dina, voglio assolutamente conoscere i genitori di Greg...
Dina Jack...
Jack: Suvvia, Dina, devono essere delle persone magnifiche: hanno chiamato il figlio Gaylord Fotter!

Altri progettiModifica