Differenze tra le versioni di "Indro Montanelli"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  6 anni fa
m
Annullate le modifiche di 151.65.16.211 (discussione), riportata alla versione precedente di 151.65.160.123
m (Annullate le modifiche di 151.65.16.211 (discussione), riportata alla versione precedente di 151.65.160.123)
*Io sono convinto che la magistratura debba essere indipendente, però chiedo ed esigo che abbia un autogoverno di controllo, e che soprattutto risponda dei suoi gesti. Oggi noi abbiamo una magistratura che non risponde a nessuno dei suoi errori spesso catastrofici, perchè hanno distrutto uomini, hanno distrutto aziende per delle cose che poi si son rilevate insussistenti. Mai un magistrato ha pagato per questo. Io voglio che i magistrati paghino. Non dico a dei poteri esterni, ma perlomeno al potere a cui viene affidata la disciplina nella categoria. (da ''Mixer'', 5 maggio 1985)
 
*Io esclusi immediatamente la responsabilità degli [[Anarchia|anarchici]] {{NDR|dalla strage di piazza Fontana}} per varie ragioni: prima di tutto, forse, per una specie di istinto, di intuizione, ma poi perchèperché conosco gli anarchici. Gli anarchici non è che sono alieni dalla violenza, ma la usano in un altro modo: non sparano mai nel mucchio, non sparano mai nascondendo la mano. L'anarchico spara al bersaglio, in genere al bersaglio simbolico del potere, e di fronte. Assume sempre la responsabilità del suo gesto. Quindi quell'infame attentato, evidentemente, non era di marca anarchica, o anche se era di marca anarchica veniva da qualcuno che usurpava la qualifica di anarchico, ma che non apparteneva certamente alla vera categoria, che io ho conosciuto ben diversa e che credo sia ancora ben diversa. (da ''La notte della Repubblica'', 12 dicembre 1989)
 
*Ah, quel maledetto [[Toni Negri]], quel maledetto aizzatore dei sentimenti dei giovani che è vigliaccamente scappato dall'Italia per non affrontare il carcere. Per un Paese non c'è nulla di peggio che i cattivi maestri. Come punirli? Bisognerebbe impiccarli. Ripeto, impiccarli. (da ''L'Italia settimanale'', 1995)