Differenze tra le versioni di "Talmud"

474 byte aggiunti ,  1 anno fa
+citazioni, ordine alfab.
(Così è nella fonte indicata. La rimozione di "intero" fatta da 77.32.82.24 è ingiustificata.)
(+citazioni, ordine alfab.)
*È [[leone]] chi è figlio di leone.
*Gli atti di [[gentilezza]] pesano quanto tutti i comandamenti.
*Il [[mondo]] non si mantiene che per il fiato dei bambini. (Schiabbata', 119)<ref>Citato in Barbara Fabbroni, ''Un dono per Te, {{small|Il mondo psicopatologico del bambino}}'', prefazione di Matteo Villanova, presentazione di Maria Giulia Pagni, Edizioni Universitarie Romane, Roma, 2008, [https://books.google.it/books?id=z5QLfOxMpwwC&lpg=PA11&dq=it&pg=PA11#v=onepage&q&f=false p. 11].)</ref>
*Il mondo purtroppo è in mano agli stolti.
*Il povero fa più bene al ricco accettando la sua [[carità]], di quello che faccia il ricco al povero offrendogliela.
*La [[Gola (ingordigia)|gola]] ha ucciso più uomini che la fame.
*L'aceto è figlio del [[vino]].
*La [[pace]] è per il mondo quello che il lievito è per la pasta.
*La proprietà del tuo prossimo ti sia cara quanto la tua. (Aboth, II, 17)<ref name=sordi/>
*Le [[parole]] che escono dal [[cuore]], giungono al cuore. (citato in [[Mario Canciani]], ''Vita da prete'', Mondadori 1991, p. 8)
*La reputazione del tuo prossimo ti sia cara quanto la tua. (Aboth, II, 15)<ref name=sordi/>
*Non condannare nessuno e non ritenere nulla impossibile.
*Le [[parole]] che escono dal [[cuore]], giungono al cuore. (citato<ref>Citato in [[Mario Canciani]], ''Vita da prete'', Mondadori 1991, p. 8).</ref>
*Non condannare nessuno e non ritenere nulla impossibile.
*Sii il maledetto e non colui che maledice.
*Una [[parola]] vale una ''sela'' (moneta), il [[silenzio]] due. (Cohen, p. 135)
*Come nutrimento l'[[uovo]] è superiore a tutti gli altri cibi, presi in quantità non superiore al volume dell'uovo. (Cohen, p. 300)
*Il [[cavolo]] è buono come nutrimento e la bietola come rimedio. (Cohen, p. 299)
*L'aceto è figlio del [[vino]].
*Non c'è gioia senza vino. (Pesakhim, 109)<ref name=sordi>Citato in ''Dizionario delle citazioni'', a cura di Italo Sordi, BUR, 1992. ISBN 14603-X</ref>
*Non è permesso a un discepolo dei Saggi di abitare in una città in cui non si possono trovare verdure. (Cohen, p. 298)
*Per annullare gli effetti nocivi di ogni vegetale, bevi acqua calda. (Cohen, p. 300)
*Alle (donne) seguenti viene disciolto il matrimonio senza che ricevano ciò che loro spetterebbe per ''[[Kethubah]]'': alla [[donna]] che trasgredisce la legge ebraica, per esempio, andando in pubblico a capo scoperto, filando per la strada, o conversando con qualsiasi uomo; alla donna che maledice i figli di suo marito in presenza di lui; alla donna che ha la voce troppo forte, tale, cioè, che quando parla in casa propria i vicini possono udire ciò che dice. (Cohen, p. 209)
*Chiunque fa molte chiacchiere con le donne porta male a sé stesso. (Cohen, p. 133)
*Dieci misure di parole sono scese su questo mondo; le donne ne presero nove e gli uomini una. (Kiddushim, 49)<ref name=sordi/>
*La nascita di una bambina è un evento infelice (Baba Bathra, 16b)
*Per tre trasgressioni le donne (israelite) muoiono di parto: perché hanno trascurato di osservare i loro periodi di separazione, la prelevazione della pasta e l'accensione della lampada sabbatica. (Cohen, p. 150)
*Se un uomo sposa una donna e sta con lei dieci anni senza che essa gli dia un figlio, non gli è permesso di rimanere esentato (dal dovere di procreazione). (Cohen, p. 209)
*Se una donna impazzisce, il marito non può ripudiarla. (Cohen, p. 209)
*Un [[maschio e femmina|uomo]] non deve mai camminare dietro una [[maschio e femmina|donna]] per la strada, fosse pure sua moglie. (Cohen, p. 133)
*La nascita di una bambina è un evento infelice (Baba Bathra, 16b)
 
===Citazioni su magia e divinazioni===
26 785

contributi