Secessione viennese

movimento artistico

Citazioni sulla Secessione viennese.

  • A causa dei miei studi accademici, io non sentii l'influenza della "Secession", la quale era rappresentata da nomi famosi, ad esempio Klimt e Schiele, morti ambedue nel 1918. Schiele era un disegnatore formidabile. Cercava l'osceno. A volte collocava le modelle su un pianoforte a coda, con pose erotiche. Conobbi personalmente Kokoschka, un matto da legare, che aveva dieci anni più di me. Non c'erano buoni rapporti tra la scuola della "Kunstakademie", basata sulla tradizione, e la scuola della "Secession", che mirava a scardinare l'arte classica. (Franz Lenhart)
  • Il trentino Luigi Bonazza, educato in ambiente viennese, alunno della Kunstgewerbe Schule e allievo di Franz Matsch, accoglie la lezione dell'estetica secessionista che gli propone modelli di composizione molto persuasivi nella soluzione dei problemi grafici. Diversamente dagli autori trentini suoi contemporanei, Luigi Bonazza riesce infatti a raggiungere un equilibrio tra figura e scrittura, sollevando quest'ultima dal decennale ruolo subalterno. (Gabriella Belli)
Vienna, il Palazzo della Secessione.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica