Raymond T. McNally

storico irlandese

Raymond T. McNally (1931–2002), accademico statunitense.

Citazioni di Raymond T. McNallyModifica

  • Più di trentacinque anni fa, da vero appasionato di film su Dracula, incominciai a chiedermi se esistessero delle basi storiche all'origine di quell'eroico personaggio vampiresco. Rilessi Dracula di Stoker e mi resi conto che non solo il suo romanzo, ma tutti i film su Dracula, erano ambientati in Transilvania. All'inizio, come molti americani, pensavo che si trattasse di un luogo mitico, una regione immaginaria forse, come la Ruritania. Scoprii invece che la Transilvania era una provincia, una regione storica della Romania occidentale circondata dalla catena dei Carpazi, rimasta indipendente per quasi mille anni pur subendo l'influenza turca e ungherese. Nel romanzo di Stoker c'erano descrizioni piuttosto dettagliate delle città di Klausenburgh (Cluj in romeno), Bistritza (Bistrita) e Passo Borgo (Birgau) nei Carpazi. Quando individuai chiaramente Birgau su di una mappa moderna della Romania, ebbi un'intuizione: se tutti i dati geografici erano veri, perché Dracula non poteva essere esistito?[1]
  • Dietro alle tradizioni locali si nascondeva un essere umano tanto terificante quanto il vampiro della letteratura o dei film: un principe del XV secolo che era stato il protagonista di un gran numero di racconti terrificanti persino quando era in vita; un comandante che commise atti crudelissimi su così vasta scala che la sua mostruosa reputazione in Occidente sopravvisse alla sua morte e raggiunse i focolari domestici di generazioni di nonne, che mettevano in guardia i piccoli dicendo: "Fai il bravo, se no Dracula verrà a prenderti!".[1]

NoteModifica

  1. a b Citato in Robert T. McNally e Radu Florescu, Storia e mistero del Conte Dracula. La doppia vita di un feroce sanguinario, traduzione di Gioia Guerzoni, Edizioni Piemme, 2000, pp. 9-10, ISBN 88-384-2488-8

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica