Apri il menu principale
Rābiʻa

Rābiʿa al-ʿAdawiyya al-Qaysiyya o al-Baṣrī (713/717 – 801), mistica araba.

Indice

Citazioni di RābiʿaModifica

  • In due modi io Ti amo: da egoista,
    E poi, come si addice a Te.
    È un amore egoista, che io non faccia niente
    Se non pensare a Te con ogni mio pensiero.
    È il più puro amore, quando Tu alzi il velo
    Al mio sguardo che Ti adora.
    Non è merito mio in questo o in quello:
    Tuo è il merito in entrambi, io lo so.[1]
  • Mio Signore, in cielo brillano le stelle, gli occhi degli innamorati si chiudono. Ogni donna innamorata è sola col suo amato. E io sono sola qui con te.[2]
  • [A un uomo che le chiese «Ho commesso molti peccati: se mi pento, Dio mi perdonerà?»] No, tu ti pentirai, se Dio ti perdonerà.[3]
  • O Dio! Se io Ti adoro per paura dell'Inferno, bruciami all'Inferno; e se Ti adoro con la speranza del Paradiso, escludimi dal Paradiso; ma se Ti adoro per Te stesso, non rifiutarmi la Tua Bellezza eterna![1]

NoteModifica

  1. a b Citato in Karen Armstrong, Storia di Dio: 4000 anni di religioni monoteiste, traduzione di Aldo Mosca, CDE, Milano, 1997, p. 242.
  2. Citato in Ravasi, p. 19.
  3. Citato in Ravasi, p. 96. A corredo della citazione, Ravasi commenta: «Forte è questo rimando al primato della grazia divina [...]».

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Donne: accedi alle voci di Wikiquote che trattano di donne