Apri il menu principale

Wikiquote β

Proverbi abruzzesi

lista di un progetto Wikimedia

Raccolta di proverbi abruzzesi.

Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

AModifica

  • A àsene vjìecchie, 'mmàste nòve.
Ad asino vecchio, sella nuova.[1]
  • A ddonna prena, niente si nèha.
A donna incinta, niente si nega.[2]
  • A lavà la cocce all'asin 'c sà 'rmette tempe e sapone.[3]
A lavare la testa all'asino, si sprecano tempo e sapone.
  • Acqu' e mmòrte sta 'rret a la pòrte.
L'acqua e la morte sono dietro la porta.[1]
  • Acqu' e ffoche nen dròve lòche.
Facilmente si espandono.[1]
  • Addezz' mezza bellezz'.
Altezza mezza bellezza.[2]
  • Addò c'è gguste, nen g'è pperdènze.
Dove c'è gusto non c'è perdenza.[1]
  • Addò n'n g'è àrbere, nen g'è l'ambrì.
La protezione dei piccoli nulla vale.[1]
  • Attacche l'asene dova vò lu patrêne.[4]
Lega l'asino dove vuole il padrone.

CModifica

  • C' sput' 'n ciel' jà 'rcasch 'n mocch'.
Chi sputa in cielo gli ricade in bocca.[2]
  • Cummann' e fattl' tè.
Comanda e fattelo da te.[2]

LModifica

  • L'amore n' vvò le bbellezze; l'appetite n' vvò la salze.
L'amore non vuole bellezze; l'appetito non vuole salse.[2]
  • L'òmen' è lape, e la fémmen'è lu cupe.
L'uomo è l'ape e la donna l'alveare.[2]
  • La femmina busciarde se puttane non è, poche ci manghe.
La donna bugiarda, se non è puttana, poco ci manca.[5]
  • Lu cavalle bbone se vede a lu ricchiappe[6].
[In riferimento ad un palio senza fantini che si teneva a Chieti] Il cavallo buono si vede a lu Ricchiappe.
  • Lu monac'virgugnos'arevè 'nghe la v'saccia svoite.[7]
Il prete che si vergogna torna a casa con la borsa vuota.

MModifica

  • Mèjjo 'mbiccatu, che mmal'ammojjatu.
Meglio impiccato, che male sposato.[2]
  • Mitte lu cappèll'à 'nu crapόne, la fémmene ce se 'nnammόre.
Metti il cappello a un caprone, la donna se ne innamora.[2]
  • Moglie e ffόche, stuzzicale ogni poche.
Moglie e fuoco, stuzzicali ogni tanto.[2]

OModifica

  • Ogne ccas' tèn' nu peng' rett'.
Ogni casa ha una tegola rotta.[2]

PModifica

  • Pan' e mazzarèll' fà la moij' e li fij' bell'.
Pane e botte fan la moglie e i figli belli.[2]
  • Pìzzichi e basc' nen fann' busc'.
Pizzichi e baci non fanno buchi.[2]
  • Pulitùr' di piatte onòr' d' coch'.
Pulitura di piatti, onore di cuoco.[2]

QModifica

  • Quand' ce stà lu levànd' schiàffet' li man' 'n cul' ch' tutt' li guand'.
Quando c'è la nebbia mettiti le mani nel sedere con tutti i guanti.[2]
  • Quande la fémmina camina e tréttica l'anca, se puttana nin è poco ci manga.
Quando la femmina cammina e dondola l'anca, se puttana non è poco ci manca.[8]
  • Quella ch' jè di pil' rusce ti mùr' prim' che la cunusce.
Quella che è di pelo rosso, muori prima di conoscerla[2]

TModifica

  • Trist'a cchi nen dé' niènde, ma chiù ttrist'a cchi nen dé' nisciune.
Triste chi non ha niente, ma più triste chi non ha nessuno.[2]

VModifica

  • Vign' e ort' òmmen' mort'.
Vigna e orto, uomo morto.[2]
  • Vocca vasciata nen perde ventura, ma s'arrinova come fa la luna.
Bocca baciata non perde ventura, ma si rinnova come la luna.[2]

NoteModifica

  1. a b c d e Citato in Finamore, p. 243.
  2. a b c d e f g h i j k l m n o p q r Citato in Benvenuti e Di Rosa.
  3. Citato in articolo di Chietitoday.
  4. Citato in articolo di Chietitoday.
  5. Citato in Bolelli, p. 71.
  6. Citato in articolo di Chietitoday.
  7. Citato in articolo di Chietitoday.
  8. Citato in Bolelli, p. 26.

BibliografiaModifica

  • Stefano Benvenuti e Salvatore Di Rosa, Proverbi italiani, Club degli Editori, 1980.
  • Tristano Bolelli e Adriana Zeppini Bolelli, Dizionario dei dialetti d'Italia, La Domenica del Corriere, Milano, 1983.
  • Gennaro Finamore, Vocabolario dell'uso abruzzese, Editrice Rocco Carabba, Lanciano, 1991.

Voci correlateModifica