Apri il menu principale

Presepe napoletano

rappresentazione della nascita di Gesù ambientata tradizionalmente nella Napoli del Settecento

Citazioni sul presepe napoletano.

  • Il presepe napoletano è festaiolo come il nostro popolo e, oltre la sacra grotta ed i re Magi, vi è il gregge, i pastori, gli zampognari e le taverne: il sacro ed il profano sono uniti nella maggior confusione di epoche e di costumi, in un gusto caratteristico dell'epoca e del paese. [..] Ci dice Franco Mancini[1]che nel presepe napoletano: «la castagnara, l'arrotino, la zingara, il pezzente, lo storpio, il macellaio, danno vita ad una singolare corte dei miracoli cui è contrapposta l'opulenza del mondo orientale, con il fasto e la ricchezza del seguito dei Re Magi». Interpretazione pluralistica che dà vita ad una scenografia disordinatamente pittoresca: al realismo pittorico è accoppiato il lusso dei re Magi ed il misticismo della santa grotta. (Vittorio Gleijeses)

NoteModifica

  1. In Il Presepe napoletano, Ed. Sadea, Sansoni, Firenze, 1996. Cfr. Feste, Farina e Forca, nota a p. 81.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica