Pierre Corneille

drammaturgo e scrittore francese

Pierre Corneille (1606 – 1684), drammaturgo francese.

Pierre Corneille

Citazioni di Pierre CorneilleModifica

  • A raccontare i propri mali, spesso vi si porta sollievo.
À raconter ses maux souvent on les soulage.[1]
  • Chi non sente il suo male è tanto più malato.[2]
  • Chi possiede molto potere deve temere tutto.
Qui peut tout doit tout craindre.[3]
  • Devo la mia fama solo a me stesso.
Je ne dois qu'à moi seul toute ma renommée.[4]
  • Diamo spesso dei nomi differenti alle cose: | quelle che a me son spine voi le chiamate rose.[5]
  • Fate il vostro dovere e lasciate fare agli dei.[6]
  • Il fuoco che sembra spento spesso dorme sotto la cenere.
Le feu qui semble éteint souvent dort sous la cendre.[7]
  • Il peggiore tra gli stati è lo stato della gente.
Le pire des États, c'est l'État populaire.[8]
Le temps est un grand maître.
  • Indovina se puoi e scegli se osi.[10]
Devine si tu peux et choisis si tu l'oses.
  • La ragione e l'amore sono nemici giurati.
La raison et l'amour sont ennemis jurés.[11]
  • Spesso si dà sollievo ai propri mali quando se ne parla.
À raconter ses maux souvent on les soulage.[12]
  • Tutti i mali sono identici se sono estremi.
Tous maux sont pareils alors qu’ils sont extrêmes.[13]

El CidModifica

  • A vincere senza pericolo, si trionfa senza gloria. (II, 2)
A vaincre sans péril, on triomphe sans gloire.
  • E la battaglia cessò per mancanza di combattenti. (IV, 3)
Et le combat cessa, faute de combattants.
Les hommes valeureux le sont du premier coup. (Chimène, II, III).

Il bugiardoModifica

  • Dopo aver mentito occorre buona memoria.
  • Il modo in cui si dona ha più valore del dono stesso. (I, 1)
La façon de donner vaut mieux que ce qu'on donne.
  • L'amore è un gran maestro, insegna d'un sol colpo.
L'amour est un grand maître, il instruit tout d'un coup. (II, 3)
  • La maniera di dare val di più di ciò che si dà.
La façon de donner vaut mieux que ce qu'on donne. (Cliton: I, I)

NoteModifica

  1. Stratonice, in Polyeucte, I, III, 1642.
  2. Da Rodogune.
  3. Auguste, in Cinna, IV, II, 1641.
  4. Da L'Excuse à Ariste, 1637.
  5. Da L'illusione; citato in Elena Spagnol, Enciclopedia delle citazioni, Garzanti, Milano, 2009. ISBN 9788811504894
  6. Da Orazio.
  7. Da Rodogune, III, IV.
  8. Da Cinna, II, I.
  9. Da Sertorius, a. II, sc. 4, v. 717.
  10. Da Héraclius, IV, 4.
  11. Da La nourrice, "La Veuve", II, III, 1631.
  12. Stratonice, in Polyeucte, I, III, 1642.
  13. Sabine, in Horace, III, IV, 1639.

Altri progettiModifica