Philip Stanhope, IV conte di Chesterfield

nobile e politico inglese

Philip Dormer Stanhope, IV conte di Chesterfield (1694 – 1773), nobile e politico inglese.

Philip Stanhope

Citazioni di Philip Dormer Stanhope, IV conte di ChesterfieldModifica

  • [Ultime parole riferito al figlioccio Dayrolles] Date una sedia a Dayrolles.
Give Dayrolles a chair.[1]
  • I giovani sono soliti pensare di essere abbastanza saggi così come gli ubriachi pensano di essere abbastanza sobri.[2]

AttribuiteModifica

  • Tutto ciò che merita di essere fatto merita di essere fatto bene.[3]
Whatever is worth doing at all, is worth doing well.[4]
  • Una mente debole è come un microscopio: ingrandisce le piccolezze, ma è incapace di comprendere le cose grandi.
A weak mind is like a microscope, which magnifies trifling things but cannot receive great ones.[5]

Letters to His Son on the Art of Becoming a Man of the World and a GentlemanModifica

  • Adeguati al tono della compagnia in cui sei.
Take the tone of the company you are in. (16 ottobre 1747)
  • Badate ai pence che le sterline baderanno a se stesse.
Take care of the pence, for the pounds will take care of themselves. (6 novembre 1747)
  • Chi ha premura dimostra che quello che sta facendo è un affare troppo grosso per lui. (10 agosto 1749)[6]
  • Ci sono dei casi in cui un uomo deve rivelare metà del suo segreto per tener nascosto il resto.
There are some occasions in which a man must tell half his secret, in order to conceal the rest. (15 gennaio 1753)
  • Gli uomini politici non conoscono né l'odio né l'amore. Sono spinti dall'interesse e non dai sentimenti (1745)[6]
  • Il modo di vestirsi è una preoccupazione sciocca. Ma è molto sciocco per un uomo non esser ben vestito. (1745)[7]
  • Il saggio vivrà entro i limiti del proprio spirito e del proprio reddito.[6]
  • Indossa il tuo sapere come il tuo orologio in una tasca privata: non estrarlo e non scuoterlo soltanto per far vedere che ne possiedi uno.
Wear your learning, like your watch, in a private pocket: and do not pull it out and strike it; merely to show that you have one. (22 febbraio 1748)
  • Io sono certo che, da quando ho avuto pieno uso della mia ragione, nessuno mi ha mai udito ridere. (9 marzo 1748)[6]
  • La maggior parte della gente gode dell'inferiorità dei suoi migliori amici. (1745)[7]
  • La modestia è il solo richiamo sicuro, quando si va in cerca di lodi. (17 maggio 1750)[8]
  • La pigrizia è il rifugio degli spiriti deboli.[9]
  • Le persone dell'alta società sono insensibili ai bisogni e alle afflizioni degli uomini come i chirurghi lo sono ai dolori fisici.[6]
  • Non v'è nulla di così ingeneroso e ineducato di una risata udibile.
There is nothing so illiberal and so ill-bred, as audible laughter. (9 marzo 1748)
  • Raramente un consiglio è bene accetto, e quelli che ne hanno più bisogno sono quelli che meno lo desiderano.
Advice is seldom welcome; and those who want it the most always like it the least. (29 gennaio 1748)
  • Se vuoi convincere gli altri, devi sembrar pronto a farti convincere. (22 febbraio 1748)[6]
  • Sii più saggio degli altri se puoi, ma non farglielo sapere.
Be wiser than other people if you can; but do not tell them so. (19 novembre 1745)
  • Una ferita si dimentica prima di un insulto. (9 ottobre 1746)[6]

NoteModifica

  1. Citato in W.H. Craig, Life of Lord Chesterfield, 1907; citato in Elizabeth M. Knowles, The Oxford Dictionary of Quotations, Oxford University Press, 1999, p. 455. ISBN 0198601735
  2. Citato in Focus, n. 106, pag. 148.
  3. I Francesi attribuiscono questa frase al pittore Nicolas Poussin (nato il 15 giugno 1594): "Ce qui vaut la peine d'être fait vaut la peine d'être bien fait".
  4. Da Letters to His Son on the Art of Becoming a Man of the World and a Gentleman, 10 marzo 1746.
  5. Solitamente attribuita a Lord Chesterfield, la prima pubblicazione di questa frase è in una sezione di citazioni chiamate "Diamond Dust" nell'Eliza Cook's Journal, n. 98 (15 marzo 1851), mentre la prima attribuzione della frase a Chesterfield si trova in Many Thoughts of Many Minds (1862) a cura di Henry Southgate.
  6. a b c d e f g Citato in Dizionario delle citazioni, a cura di Italo Sordi, BUR, 1992. ISBN 88-17-14603-X
  7. a b Citato in Dizionario delle citazioni, a cura di Ettore Barelli e Sergio Pennacchietti, BUR, 2013. ISBN 9788858654644
  8. Dalla lettera CXCIII, in Lettere al figlio: 1750-1752, a cura di Marc Fumaroli, traduzione di Elena De Angeli, Adelphi, Milano, 2020. ISBN 9788845981272
  9. Citato in Elena Spagnol, Enciclopedia delle citazioni, Garzanti, Milano, 2009. ISBN 9788811504894

Altri progettiModifica