Apri il menu principale

Paul Kagame

politico ruandese

Citazioni di Paul KagameModifica

  • [Dopo la presa del potere] Non c'è bisogno che nessuno fugga dal Rwanda. Noi garantiamo a tutti i rwandesi stabilità e sicurezza. Per quel che mi riguarda credo che questo sia un grande giorno, un giorno di grande felicità, un giorno importante per la rinascita del Rwanda.[1]
  • Sono stato in tenda e in trincea, non ho bisogno di lezioni da nessuno che venga a dirmi come vivere modestamente.[2]
  • Se lei si perde in questa cosa dei tutsi e degli hutu, si perde nella grettezza della nostra storia passata, e non ne esce più.[2]

Dal discorso del 20º anniversario del genocidio

in Genocidio Ruandese. Il discorso del Presidente Paul Kagame, Fulviobeltramiafrica.wordpress.com, 9 aprile 2014

  • Abbiamo perseguito la giustizia e la riconciliazione come meglio potevamo. Ma questi sforzi non ripristinano quello che abbiamo perso.
  • I vostri sacrifici sono un dono per la nazione. Essi sono il seme da cui il nuovo Rwanda cresce. Grazie per aver permesso la vostra umanità e il patriottismo di prevalere sopra il vostro dolore e le vostre perdite.
  • Le persone che hanno pianificato ed eseguito il genocidio erano ruandesi , ma le cause di storia e radici vanno al di là di questo paese.
  • Il passare del tempo non deve far dimenticare i fatti, diminuire la responsabilità, o trasformare le vittime in cattivi.
  • L'eredità più devastante di controllo europeo del Ruanda fu la trasformazione delle distinzioni sociali in cosiddette "razze". Siamo stati classificati e sezionati. Le esistenti differenze sono state ingrandite secondo un quadro inventato altrove. Lo scopo non era né scientifico né benigno, ma ideologico: per giustificare rivendicazioni coloniali di governare e "civilizzare" i popoli apparentemente "minori". Noi non siamo minori. Questa ideologia era già in atto nel 19° secolo, e fu poi rafforzata dai missionari francesi che si stabilirono qui. Duemila anni di storia del Rwanda sono stati ridotti a una serie di caricature basate su brani della Bibbia e sui miti creati dagli esploratori.
  • Gestire la diversità nella nostra società, non dovrebbe essere visto come negare l'unicità di ogni ruandese. Sarebbe una cosa negativa se riusciremo a forgiare una nuova, più inclusiva identità nazionale?
  • Nessun paese, in Africa o in qualsiasi altro luogo, deve diventare "un altro Rwanda". Ma se le scelte di un popolo non sono supportate dalla chiarezza storica, il pericolo è sempre presente.
  • Se il genocidio ha rivelato la scioccante capacità dell’essere umano di essere crudele, le scelte compiute in Rwanda dimostrano la nostra capacità di rinnovarci.

Dall'intervista di Jeune Afrique

in Rwanda. Paul Kagame spiega la sua lotta contro il terrorismo, Italia.reteluna.it, 18 giugno 2014

  • Lo sviluppo del paese non può essere raggiunto senza sicurezza e stabilità. Il nostro popolo ha sofferta sufficientemente per comprenderlo.
  • Voglio essere chiaro. Gli stranieri ci possono sostenere o criticare, possono aiutarci o contribuire a destabilizzarci ma alla fine dei conti la responsabilità delle sicurezza compete esclusivamente a noi.
  • Nessuno sparisce in Rwanda e nessuno è arrestato senza un valido motivo. Siamo abituati a confrontarci con delle false accuse.
  • Trovo assai paradossale che un governo che non si fa scrupoli nell’utilizzare droni per uccidere civili in vari paesi del mondo sotto il pretesto della lotta contro il terrorismo internazionale, si permetta di criticare duramente il nostro diritto di difenderci dai terroristi. Il Rwanda ha avuto il coraggio di abolire la pena di morte e di attuare una riconciliazione nazionale, quando le nostre prigioni erano piene di genocidari che meritavano la morte per quello che hanno fatto nel 1994.

Dall'intervista de Die Presse

in La crisi migratoria è una creazione dell'Europa – Paul Kagame, Vocidallestero.it, 3 marzo 2019

  • L'Europa ha creduto di rappresentare tutto ciò che il mondo ha da offrire; che tutti gli altri potessero solo imparare dall’Europa e chiedere aiuto. Questo è il modo in cui gli europei hanno gestito l’Africa per secoli.
  • La Cina è attiva in Ruanda, ma non in modo inappropriato. Le nuove strade in Ruanda sono in gran parte costruite con denaro europeo. A volte ci sono subappaltatori cinesi.
  • Perché non sappiamo come negoziare con la Cina? Certamente i cinesi non sono qui solo come filantropi per aiutarci.
  • Stiamo cercando di creare sistemi di valore che ci consentano di essere più efficienti: turismo, informatica, energia. Ma soprattutto vogliamo fornire una migliore educazione ai nostri cittadini per favorire l'innovazione e l'imprenditorialità.
  • Non ho proposto io di cambiare la costituzione. Non sono stato coinvolto nella decisione, ma l’ho accettata. I ruandesi apprezzano il lavoro che ho svolto.
  • L'ipocrisia degli europei è sorprendente. Predicano ciò che non praticano loro stessi. Perché c'è questo fallimento in Europa? A causa della democrazia? Se democrazia significa fallimento, allora la democrazia europea non è qualcosa che dovrei praticare.
  • L'Europa ha un problema di migrazione perché non è riuscita ad affrontare il problema in anticipo. Invece di aiutare l'Africa, ha ulteriormente impoverito il continente.
  • Che cos'è la democrazia? Permettere ai malfattori di ottenere il sopravvento?

Citazioni su Paul KagameModifica

Gwynne DyerModifica

  • Kagame ha ottenuto uno straordinario tasso di crescita economica in Ruanda (una media dell’otto per cento annuo nel periodo che va dal 2001 al 2012), nella speranza che la prosperità finisse per disinnescare l’ostilità tra tutsi e hutu. Non osa però permettere lo svolgimento di elezioni libere, perché gli hutu, ancora molto attaccati alla loro identità, voterebbero contro di lui. E quasi tutti gli altri accettano il suo comportamento, perché hanno sposato la sua convinzione circa la sua indispensabilità.
  • Meno della metà dei 12 milioni di ruandesi hanno vissuto in prima persona il terribile genocidio di vent’anni fa, ma il paese nel suo insieme ne è ancora ossessionato. Kagame ha governato il Ruanda per tutto questo tempo, ed è convinto di essere l’unico in grado di impedire che succeda di nuovo. Da qui alla convinzione che il suo dovere sia restare al potere con ogni mezzo necessario, compreso l’omicidio, il passo è breve.
  • Non è raro che i dittatori tendano a identificare i loro interessi con quelli del paese, e nemmeno che facciano uccidere delle persone. Ciò che è davvero strano è un dittatore che ha fatto uccidere parecchie persone, ma viene lodato dagli altri paesi per la sua eccellente amministrazione e ricoperto di aiuti internazionali. In questa fortunata categoria rientra il presidente Paul Kagame.

NoteModifica

  1. Citato in I ribelli al governo, L'Unità, 20 luglio 1994
  2. a b Citato in Cosa si dice di Paul Kagame, Ilpost.it, 9 ottobre 2013

Altri progettiModifica