Apri il menu principale

Mariti e mogli

film del 1992 diretto da Woody Allen

Mariti e mogli

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Husbands and Wives

Lingua originale inglese
Paese Usa
Anno 1992
Genere Commedia
Regia Woody Allen
Sceneggiatura Woody Allen
Produttore Robert Greenhut
Interpreti e personaggi

Mariti e mogli, film statunitense del 1992 diretto e interpretato da Woody Allen.

FrasiModifica

  • Sai che ti dico? Finché non ti hanno baciata in uno di quei piovosi pomeriggi parigini, non sei mai stata baciata! (Gabe)
  • [A Michael Gates] Il mio matrimonio, te l'ho detto, è morto da anni. Non lo so perché. Ah, sì che lo so, è la seconda legge della termodinamica: prima o poi tutto si muta in merda. (Sally)
  • Comunque ho imparato che l'amore non deve essere passione o idillio, necessariamente: è anche farsi compagnia, appunto. Sa, è come un paraurti contro la solitudine, credo. (Sally)
  • La vita non imita l'arte, imita la cattiva televisione. (Rain)
  • L'amore più profondo è solo un mito di cui ci siamo nutriti, come quello dell'orgasmo simultaneo: l'unica volta che Rifkin e sua moglie ebbero un orgasmo simultaneo fu quando il giudice concesse loro il divorzio. (Gabe)
  • Le nostre scelte sono veramente tra una cronica insoddisfazione e la monotonia del quotidiano? (Rain)
  • È sbalorditivo, no? Credi di essere tanto amico di certa gente, così intimo... poi viene fuori che non hai proprio idea di quello che hanno in mente. (Gabe)
  • Ho sempre avuto la tendenza per le donne kamikaze. Io le chiamo kamikaze perché si schiantano col loro aereo, sono autodistruttive e si schiantano contro di te e tu muori lì insieme a loro. Io appena ci sento il rischio, appena c'è una microtica chance di successo o zero chance o intuisco barriere od ostacoli, qualcosa scatta nella mia mente, forse sarà perché sono uno scrittore, ma ogni drammatica o estetica componente la sento giusta ed io vado dietro quella persona. C'è una certa atmosfera drammatica ed io mi innamoro della persona, mi innamoro della situazione in qualche modo. Certo questo non mi ha dato grandi risultati, non è stato stupendo. (Gabe)

DialoghiModifica

  • Scienziato [in televisione]: Einstein, alla festa per il suo settantesimo compleanno, ebbe a dire, facendo un brindisi: "Dio non gioca a dadi con l'universo".
    Gabe: No, gioca solo a rimpiattino.

Altri progettiModifica