Apri il menu principale

Man on the Moon

film del 1999 diretto da Miloš Forman

Man on the Moon

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Man on the Moon

Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 1999
Genere Biografico, commedia, drammatico
Regia Miloš Forman
Soggetto Scott Alexander, Larry Karaszewski
Sceneggiatura Scott Alexander, Larry Karaszewski
Produttore Danny DeVito, Michael Shamberg, Stacey Sher
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Man on the Moon, film del 1999 diretto da Miloš Forman. La pellicola racconta la vita e le performance artistiche del comico statunitense Andy Kaufman, interpretato da Jim Carrey.

IncipitModifica

Salve, io sono Andy e vorrei ringraziarvi per essere venuti a vedere il mio film. Avrei voluto che fosse migliore, capite? Invece è talmente stupido, è orribile, non-non piace nemmeno a me. Tutti-tutti i fatti più importanti della mia vita sono-sono ecco, sono stati cambiati e rimescolati per... per scopi drammaturgici. Allora ho deciso che era giusto tagliare tutte le minchionerie. Adesso il film è molto più corto. Infatti questo è il finale del film. Grazie moltissimo. Non sto scherzando. Arrivederci. Andate! (Andy)

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Wow! Siete ancora qui... Ok! Spero non vi siate arrabbiati. L'ho fatto per liberarmi di quella gente che non mi avrebbe capito e che non avrebbe neanche tentato. In realtà questo film è davvero fantastico. Ci sono tanti personaggi interessanti, come quello che avete visto e quello che state vedendo. Andiamo a cominciare. (Andy)
  • Sa, non mi interessano le risate facili, voglio suscitare delle reazioni profonde, voglio che la gente viva dell'esperienze emotive, che mi amino, che mi odino, che vadino via. È tutto grandioso. (Andy)
  • Tu sei pazzo... o potresti anche essere un genio. (Shapiro)
  • Non sono un comico, George, e le sitcom sono la forma più infima di spettacolo. Insomma, ci sono stupide battute e risate già pronte, non si capisce perché ci sono, ma ci sono. È gente morta che ride, ti rendi conto? Sono morti che ridono. (Andy)
  • Io voglio creare il mio stile di spettacolo. (Andy)
  • È il caro vecchio spettacolo: i cattivi piaccono sempre. (Andy)
  • Andy, tu devi guadarti dentro e rispondere a questo: chi stai cercando di divertire? Il pubblico o te stesso? (Shapiro)
  • George, a questo punto la gente si aspetta che io li shocki ogni volta che appaio, ma oltre che a fingere di morire o di dare fuoco al teatro, io non so che altro fare. Io devo sempre stare un passo avanti a loro. (Andy)
  • Sono stupendi. Voglio essere anche io un wrestler di quelli cattivi. (Andy)
  • Voglio dirti una cosa Kaufman. Il wrestling è uno sport molto serio per me e non permetto che un cretino come te lo ridicolizzi così. (Jerry Lawler)
  • Ma certo che si, ma solo che io penso che il mondo sia un'illusione e che non dovremmo prenderci tanto sul serio. (Andy)
  • Conosco Tony molto meglio di te, e se dovrà lavorare altri dieci anni per finanziarmi, lo farà. (Andy)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Stanley: Figliolo, questa storia deve finire. La casa non è uno studio televisivo, non ci sono telecamere sulle pareti. Non ti fa bene, dovresti stare all'aria, fare dello sport.
    Andy: Ma infatti io presento un programma di sport.
  • Andy: Allora signor Vessel, domani alla stessa ora?
    Mr. Basserman: Non lo so Andy sé posso farti restare.
    Andy: Mi licenzia? Non- non mi paga nemmeno...
    Mr. Basserman: Non lo prendere come un'offesa, ma il tuo pezzo sembra l'ora dei dilettanti. Canti filastrocche per bambini di sei anni, i pupazzi non sono divertenti, metti quei dischi...
    Andy: Ma, almeno è originale. Voglio dire, non lo ha mai fatto nessuno. Io non sono come gli altri.
  • Mr. Basserman: Trova delle battute, tipo: "perché due fratelli siamesi vanno in Inghilterra?"
    Andy: Be', non lo so, perché... perché vanno in Inghilterra?
    Mr. Basserman: Così l'altro potrebbe guidare.
  • Andy: Voglio diventare la più grande star del mondo.
    Shapiro: Beh, la gente ama i comici.
    Andy: Io non sono un comico. Non racconto barzellette, non so far ridere. Sono tipo... sono uno showman.
  • Bob: Oggi è un gran giorno, è la prima volta che va con una prostituta.
    Donna: Di che cosa stai parlando? Andy viene a trovarci quasi tutti i weekend.
    Bob: Chi? Andy?
    Donna: Oh, non si fa sempre chiamare Andy: qualche volta è Tony e porta lo smoking.
  • Linda: Quindi tu fai solo finta di essere un coglione.
    Andy: Mi riesce bene.

Altri progettiModifica