Apri il menu principale

Achim von Arnim

scrittore tedesco
(Reindirizzamento da Ludwig Achim von Arnim)
Achim von Arnim

Ludwig Achim von Arnim, nome completo Carl Joachim Friedrich Ludwing von Arnim (1781 – 1831), scrittore tedesco.

  • La grazia scioglie il marchio del peccato | e con l'amore il diavolo è cacciato. (da Il folle invalido di Fort Ratonneau)
  • Vi sono caratteri che credono di poter trionfare del mondo ed impossessarsene, e vi sono invece altre poche ma nobilissime anime che preferiscono rinunciarvi e distaccarsene. (da Il manichino tragico)

Indice

Il manichino tragicoModifica

IncipitModifica

All'altezza del porto di Tolone, un vascello turco dopo essere stato inseguito a lungo da una galera maltese, preso da un felice e bizzarro colpo di vento, veniva non solo sottratto all'inseguimento, ma trascinato in salvo nel porto neutrale. I due equipaggi erano costretti a posare le armi, e, giunti entrambi i vascelli in porto, furibondi per non essere potuti venire alle mani, cominciarono ad ingiuriarsi ferocemente. L'uno non conosceva la lingua dell'altro: ma erano tuttavia entrambi in grado di scambiarsi le invettive e gli epiteti più offensivi che le due lingue possedessero.

CitazioniModifica

  • Il regno della ragione? Come potrà trionfare, se mai finora, in secoli ben più virtuosi, ha potuto affermarsi; se finora la ragione non è stata su questa terra che una straniera, una fuggitiva, di cui gli uomini hanno preso sempre pretesto per ingannarsi con la speculazione e coi sofismi, per rendere plausibili gli atti che le sono più opposti, e lasciar corso alle maggiori infamie! (p. 38)

Incipit di alcune opereModifica

L'invalido pazzo del forte di RatonneauModifica

Il conte Durand, buon vecchio ufficiale a capo della piazza di Marsiglia, in una serata d'ottobre fredda e tempestosa se ne stava seduto tutto solo, rabbrividendo, presso il cammino mal costruito della sua magnifica dimora di comandante, e veniva spostandosi sempre più vicino al fuoco, mentre le carrozze dirette a un gran ballo passavano strepitando sulla strada e il suo cameriere Bsset, che era pure il compagno più caro, russava sonoramente in anticamera. Anche nella Francia del sud non sempre fa caldo, pensava l'anziano signore scuotendo il capo, e neppur lì si rimane per sempre; ma la vita mondana e brillante ha tanto pochi riguardi per l'età avanzata, quanto l'architettura per l'inverno.

Il folle invalido di Fort RatonneauModifica

Il conte Durand, buon vecchio ufficiale a capo della piazza di Marsiglia, in una serata d'ottobre fredda e tempestosa se ne stava seduto tutto solo, rabbrividendo, presso il camino mal costruito della sua magnifica dimora di comandante, e veniva spostandosi sempre più vicino al fuoco, mentre le carrozze dirette a un gran ballo passavano strepitando sulla strada e il suo cameriere Basset, che era pure il suo compagno più caro, russava sonoramente in anticamera. Anche nella Francia del Sud non sempre fa caldo, pensava l'anziano signore scuotendo il capo, e neppur lì si rimane giovani per sempre; ma la vita mondana e brillante ha tanto pochi riguardi per l'età avanzata, quanto l'architettura per l'inverno.

BibliografiaModifica

  • Ludwig Achim von Arnim, Il manichino tragico, traduzione di Vito Pandolfi, Editori Riuniti, 1983.
  • Ludwig Achim von Arnim, L'invalido pazzo del forte di Ratonneau, traduzione di Renato Pedio, Editori Riuniti, 1983.
  • Ludwig Achim von Arnim, Il folle invalido di Fort Ratonneau, traduzione di Hartmut Retzlaff, Edizioni Studio Tesi, 1991.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica