Lingua ungherese

lingua uralica

Citazioni sulla lingua ungherese.

  • È noto che l'idioma ungherese appartiene al ceppo chiaramente altaico; ma per contro non è ancor definita la questione s'esso discenda dal ramo tartaro o dal finnico. (Ármin Vámbéry)
  • Invidio persino la loro lingua, feroce se altre mai, di una bellezza che nulla ha di umano, con quelle sonorità di un altro mondo, possente e corrosiva, fatta per la preghiera, le urla e le lacrime, venuta su dall'inferno per perpetuarne gli accenti e lo splendore. Anche se ne conosco solo le bestemmie mi piace immensamente, non mi stanco di ascoltarla, mi incanta e mi raggela, sono succube del suo fascino e del suo orrore, di tutte quelle parole di nettare e di veleno così adatte alle esigenze dell'agonia. Bisognerebbe spirare in ungherese – o rinunciare a morire. (Emil Cioran)
  • L'ungherese è non solo lingua isolata ma addirittura non indoeuropea né slava, sibbene della stessa famiglia del turco: e fortuna che il nazionalismo turco, adombrato da altri e più vasti crimini e problemi, non abbia ancora scoperto la «nativa musicalità» della sua lingua: fortuna, dico, per la musica e per noi suoi disgraziati storici. (Paolo Isotta)
  • La lingua ungherese procura ricordi negativi, immagini dolorose. Mi sento più libera a esprimermi in italiano, è una lingua fatta per la poesia, attira la scrittura in qualche maniera. (Edith Bruck)
Pagina di Az zenth Paal leueley magyar nyeluen, il primo libro scritto interamente in ungherese

Altri progettiModifica