Lilli Carati

attrice italiana

Lilli Carati, nome d'arte di Ileana Caravati (1956 – 2014), attrice italiana.

Lilli Carati

Citazioni di Lilli CaratiModifica

  • Non bisogna mollare mai. E se ve lo raccomando io, che le ho provate tutte, potete crederci.[1]
  • [Sul matrimonio] Avevo una vita troppo complicata per pensare di imporla ad altri.[1]

Da Lilli Carati, l'intervista a Libero: "Sono diventata un mito sexy perché mi hanno fatto le corna"

Intervista di Alessandro Dell'Orto, Liberoquotidiano.it, 26 ottobre 2008.

  • La gente voleva solo il mio corpo, se ne fregava della sensibilità e dell'intelligenza. Tutti mi volevano vedere, ma io non amavo apparire.
  • Mi chiamo Ileana, ma sono da sempre Lilli per tutti. Il cognome d'arte me l'ha dato il produttore, quello originale sembrava troppo lombardo.
  • [Sulla paura della morte] Paura di soffrire. Spero di morire in modo veloce. Dovessi essere attaccata a una macchina, chiederei l'eutanasia.
  • Per anni ho scelto di non esserci più, il contatto con la gente mi infastidiva, mi faceva paura. Chiamavano a casa: "C'è Lilli?. No, non c'è. Sono la sorella, mi spiace".

Citazioni su Lilli CaratiModifica

  • La chiamavamo la "bambola di velluto", perché era piccolina, non tanto alta e molto bella. Aveva un corpo fatto bene, era proporzionata, molto sensuale. [...] Quando recitavamo assieme, lei era giovanissima, mentre io ero tra i trenta e i quaranta. Non era solo bella, ma era una delle poche attrici brave di allora. Molte delle ragazze che interpretavano quei ruoli erano straniere, erano brave, ma dovevano combattere con la lingua. Ognuna aveva un tipo di sensualità diversa. Lei parlava bene, era molto sveglia. Credo fosse anche colta, perché si esprimeva in modo corretto, dimostrava una certa cultura. (Lino Banfi)[2]

NoteModifica

  1. a b Dall'intervista di Marina Cappa, Lilli Carati, l'ultima intervista, Vanity Fair, 2013.
  2. Lino Banfi: «Lilli Carati? Era una bambola. Ricordo quegli anni e quei film con affetto», Il Messaggero, 21 ottobre 2014

FilmografiaModifica

Altri progettiModifica