Apri il menu principale

Joséphine Baker

cantante e danzatrice statunitense
(Reindirizzamento da Josephine Baker)
Joséphine Baker, 1950

Joséphine Baker (1906 – 1975), cantante e danzatrice statunitense naturalizzata francese.

  • Continuerò a cantare finché potrò. Oggi il problema centrale è di aiutare gli uomini a conoscersi fra loro perché possano superare le difficoltà. Quali uomini sono oggi più lontani di un arabo e un ebreo? Eppure il mio piccolo Israeliano Moses e la piccola algerina Marianna si vogliono bene![1]
  • Ho due amori: il mio Paese e Parigi.[2]
  • La Francia mi ha dato il suo cuore; il minimo che io possa fare è di darle la vita.[2]
  • Mantenersi giovani significa essere capaci di sognare e fare progetti per l'avvenire.[2]

Citazioni su Joséphine BakerModifica

  • In Italia, dove era stata acclamata più volte nel corso della sua prestigiosa carriera, si presentò di fronte al suo pubblico in tre particolari occasioni: a Milano, per ricevere il premio della Giornata della Mamma, a Pisa per la consegna di una medaglia d'oro per gli sforzi da lei compiuti in favore dell'adozione, a Verona per il conferimento del premio Zucchi per l'Amore Universale. (George E. Kent)
  • Josephine Baker girava l'Europa incantando le folle con la sua lascivia ingenua di giovane animale istintivo. (Ada Gobetti)

NoteModifica

  1. Citato in Renato Colombo, Josephine Baker, Il Monello, n. 37, 1975, Casa Editrice Universo.
  2. a b c Citato in George E. Kent, Josephine un mito, Selezione dal Reader's Digest, febbraio 1976.

Altri progettiModifica

  Portale Donne: accedi alle voci di Wikiquote che trattano di donne