Johann Heinrich Voss

poeta e traduttore tedesco

Johann Heinrich Voss (1751 – 1826), poeta e traduttore tedesco.

Busto di Johann Heinrich Voss a Otterndorf

AttribuiteModifica

Wer nicht liebt Wein, Weib und Gesang | Der bleibt ein Narr sein Lebelang.
  • Il nuovo non è bello, e il bello non è nuovo. (citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 240)

NoteModifica

  1. Questi versi, attribuiti a Lutero, sono molto probabilmente di Voss, il quale li pubblicò per la prima volta nei Wandsbecker Bothen del 1775, n. 75, entro una «Devise an einen Poeten» e poi, da soli, nel Musenalmanach del 1775, ponendovi sotto la firma D. Martin Luther, il che gli valse l'annullamento della nomina a professore all'Johanneum di Amburgo, sotto l'accusa di sacrilegio alla memoria del Riformatore (Fumagalli, cit., pagg. 16-17).

Altri progettiModifica