I due papi

film del 2019 diretto da Fernando Meirelles

I due papi

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

The Two Popes

Lingua originale inglese, latino, italiano, spagnolo, portoghese, tedesco e francese
Paese Stati Uniti d'America, Regno Unito, Italia, Argentina
Anno 2019
Genere drammatico, biografico, commedia
Regia Fernando Meirelles
Soggetto dall'opera teatrale di Anthony McCarten
Sceneggiatura Anthony McCarten
Produttore Dan Lin, Jonathan Eirich, Tracey Seaward
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I due papi, film del 2019 con Anthony Hopkins, Jonathan Pryce e Libero De Rienzo, regia di Fernando Meirelles.

IncipitModifica

Segreteria telefonica: Benvenuto in Skytours, per informazione sui voli premi uno. Per effettuare una nuova prenotazione, premi due. Per verificare che la sua prenot...[suono di tasto premuto] Troverete le nostre migliori offerte su internet.
Papa Francesco: Sì, buongiorno. Vorrei prenotare...
Segreteria telefonica: Se desidera parlare con un operatore, rimanga in linea. [suono di tasto premuto]
Operatrice telefonica: Buongiorno e benvenuto al servizio clienti della Skytours.
Papa Francesco: Buongiorno, vorrei prenotare un volo da Roma a Lampedusa.
Operatrice telefonica: Sì.
Papa Francesco: So che è possibile prenotarlo su Internet, ma mi sono trasferito qui da poco.
Operatrice telefonica: Nome?
Papa Francesco: Bergoglio, Jorge Bergoglio.
Operatrice telefonica: Come il Papa?
Papa Francesco: Beh, ecco sì. È così in effetti...
Operatrice telefonica: Codice Postale?
Papa Francesco: Ecco, non saprei... Città del Vaticano.
Operatrice telefonica: Ah, molto divertente. [suono della linea telefonica che cade]

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • C'era una volta un ragazzo che camminava nel bosco. Si chiamava Francesco Bernardone. Di colpo si trovò di fronte a una cappella, in rovina, con i muri distrutti. Entrò. C'era ancora un crocifisso, dove un tempo si trovava l'altare. Francesco ne fu attratto. Il crocifisso gli parlò e disse: "Francesco... ripara la mia Chiesa". Francesco era un tipo pratico. Raggiunse la cava sul Monte Subasio, tagliò le pietre, le trasportò a valle e riparò le pareti in rovina. Ogni cammino, più o meno lungo, deve iniziare da qualche parte. Ogni cammino, più o meno magnifico, può iniziare con un errore. Quindi, se vi sentite persi, non preoccupatevi. Dio non si darà per vinto. Intesi? BUENOS AIRES 2005 (Jorge Bergoglio)
  • Fare il Papa è come fare il martire. (Jorge Bergoglio)
  • Più grave è il peccato, più caloroso è l'accoglienza. (Jorge Bergoglio)
  • Il peccato è una ferita, non una macchia. Ha bisogno di essere curata, guarita. Il perdono non è sufficiente. (Jorge Bergoglio)
  • Risolverei la questione della banca. [...] Ecco, sì. Le banche hanno quasi distrutto il mio Paese. Loro pretendono totale libertà come se fossero tigri che vogliono uscire dalla gabbia. E poi divorano ogni cosa. (Jorge Bergoglio)
  • C'è un detto: "Dio corregge un Papa, dando al mondo un nuovo Papa". (Papa Benedetto XVI)
  • So bene che Dio ha una capacità speciale nel perdonare i peccati. Lui sa perdonare, io non riesco. (Jorge Bergoglio)
  • Forse il cammino ci appare dritto, quando ci vediamo indietro. (Papa Benedetto XVI)
  • Tutti soffriamo di orgoglio spirituale. Tutti. Non ti dimenticare che tu non sei Dio. In Lui viviamo, ci muoviamo ed esistiamo. Viviamo in Dio, ma non siamo divini. Tu sei umano. (Papa Benedetto XVI)
  • L'autorità non viene dal potere o dall'intelletto, specie dal tuo caso, viene da come si vive o come si è vissuto. (Papa Benedetto XVI)
  • Se devono esserci lacrime, facciamo che siano lacrime di gioia. (Papa Francesco)
  • Fratelli e sorelle, buonasera. (Papa Francesco)
  • Quando la colpa non è di nessuno, allora è di tutti. (Papa Francesco)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Cardinale Turkson: La caratteristica più importante di qualsiasi capo è di non voler essere un capo. Platone.
    Cardinale Hummes: Quindi direi che non può essere Ratzinger. Lui fa il capo.
  • Papa Benedetto XVI: Il tuo essere così puro e semplice fa sembrare che il resto di noi non lo sia.
    Jorge Bergoglio: Scegliere la semplicità può essere sbagliato?
  • Papa Benedetto XVI: Tu concedi i Sacramenti a chi non è in Grazia di Dio. Ai divorziati, per esempio.
    Jorge Bergoglio: Io credo che il Sacramento della Comunione non sia un premio per i virtuosi, ma cibo per gli affamati.
    Papa Benedetto XVI: È più importante ciò che credi tu o ciò che la Chiesa insegna da centinaia di anni.
    Jorge Bergoglio: No. Marco, capitolo due, 17: "Sono venuto per i peccatori" la Chiesa ce lo insegna da migliaia di anni.
  • Papa Benedetto XVI: Il cambiamento è un compromesso.
    Jorge Bergoglio: La vita... la vita che Egli ci ha donato, non fa altro che cambiare.
  • Jorge Bergoglio: In natura nulla è statico, non lo è l'universo e neanche Dio.
    Papa Benedetto XVI: Dio non cambia mai.
    Jorge Bergoglio: Sì che cambia. Dio si trasforma.
    Papa Benedetto XVI: "Io sono la via" come lo troveremmo se fosse sempre in movimento?
    Jorge Bergoglio: Lungo il tragitto?
    Papa Benedetto XVI: Uh, questo è il tuo ego che parla. Pensi di sapere tutto.
  • Papa Benedetto XVI: Tutte le dittature tolgono la libertà di scelta, lo sappiamo entrambi.
    Jorge Bergoglio: O rivelano le nostre debolezze.

Altri progettiModifica