Apri il menu principale

Gus Fring

personaggio della serie televisiva Breaking Bad

Gustavo "Gus" Fring

Descrizione di questa immagine nella legenda seguente.

Gustavo "Gus" Fring è interpretato da Giancarlo Esposito.

Universo Breaking Bad
Autore Vince Gilligan
Interprete

Gustavo "Gus" Fring, personaggio di Breaking Bad.

Citazioni di Gus FringModifica

Terza stagioneModifica

  • Qual è il compito di un uomo, Walt? Provvedere al benessere della sua famiglia. [...] Quando si hanno figli si ha sempre una famiglia. Sono loro la priorità, la responsabilità. E un uomo deve assolverla. E lo fa anche se non si apprezza il suo gesto, anche se non viene rispettato, e anche se non è amato. Semplicemente resiste e va avanti, è suo dovere. Perché è un uomo.
  • [A Walter] Mi nascondo mostrandomi, come lei.
  • Gus: Mmm, mi stupisce sempre il modo in cui i sensi scatenano la memoria. Questo stufato è semplicemente un amalgama di ingredienti: presi separatamente questi ingredienti non mi dicono nulla, non hanno alcun significato. Ma, con questa precisa combinazione l'odore di questo cibo istantaneamente mi fa tornare alla mente l'infanzia. Com'è possibile?
    Walter: Praticamente tutto questo avviene nell'ippocampo, dove si formano le connessioni neurali. I nostri sensi permettono ai neuroni di esprimere segnali che ritornano esattamente agli stessi punti del cervello precedentemente utilizzati, cioè dove si conserva la memoria. È una cosa chiamata memoria relazionale.
  • Un uomo deve imparare ad essere ricco. Ad essere poveri sono bravi tutti.

Quarta stagioneModifica

  • Sangue per sangue.
Sangre por sangre.
  • Hank: "Gustavo Fring" è il suo vero nome?
    Gus Fring: Se è il mio vero nome? Io non la seguo...
    Hank: So che lei è di nazionalità cilena, ma non risulta che abbia mai vissuto lì.
    Gus Fring: Davvero?
    Hank: Risulta solo che lei è emigrato in Messico nell'86 e un paio d'anni dopo ha ottenuto il visto d'ingresso per gli Stati Uniti. Ma non c'è documento o archivio in cui risulti l'esistenza di un Gustavo Fring in Cile. Io lo trovo, come dire, un po' strano.
    Gus Fring: Io non direi. Il governo Pinochet ha avuto molte colpe, tra cui la più grave quella degli abusi sui civili. Ma pare anche che curasse poco l'aggiornamento dei registri anagrafici. Se continuate a scavare mi troverete.
  • Don Eladio è morto! I suoi capi sono morti! non c'è più nessuno per cui combattere. Riempitevi le tasche e andatevene in pace... Oppure combattete con me e morite!
Don Eladio está muerto! Sus capos están muertos! Ustedes no tienen a nadie mas por quien pelear. Llenen sus bolsillos, y váyanse en paz... O vengan a pelear conmigo, y mueran!
  • [A Hector "Tio" Salamanca] Tutti, Hector. Don Eladio, Don Paco, Cesar, Renaldo, Fortuno, Cisco e Luis, Escalara. Tutti morti. Compreso tuo nipote Joaquin. [...] Eravate rimasti solo tu e Joaquin. Era il tuo unico parente ancora vivo. Adesso il nome dei Salamanca morirà con te.
  • Gus Fring: Tu hai chiuso. Licenziato. Non farti più vedere alla lavanderia. Sta' alla larga da Pinkman. Non devi più avvicinarti a lui. Mai più. Mi hai sentito?
    Walt: Altrimenti che farai?
    Gus Fring: Che cosa hai detto?
    Walt: "Sta' alla larga da Pinkman", altrimenti tu che cosa farai? Mi ucciderai? Se avessi potuto uccidermi sarei già morto. Ma non puoi. Non puoi uccidermi perché Jesse non cucinerebbe per te se tu mi uccidessi. È così, vero? Nonostante i tentativi che hai fatto per mettermelo contro, per mandargli in pappa il cervello perché mi odiasse a morte lui ancora non te lo permette.
    Gus Fring: Per adesso. Ma cambierà idea. Nel frattempo c'è la questione di tuo cognato. È un problema che tu avevi promesso di risolvere. Hai fallito. Adesso tocca a me risolvere.
    Walt: Non puoi...
    Gus Fring: Se cerchi di interferire la cosa diventerà ancora più semplice. Ucciderò tua moglie. Ucciderò tuo figlio. E ucciderò anche la tua figlia più piccola.
  • Che razza di uomo è uno che parla con la DEA? Non è un uomo. Non lo è affatto. Sei un piccolo topo paralitico. Bella reputazione da lasciarsi alle spalle. È così che vuoi essere ricordato? È l'ultima volta che puoi guardarmi. [Hector "Tio" Salamanca comincia a suonare ripetutamente il campanello] Fuori! [La bomba sotto la sedia a rotelle di Hector esplode] [ultime parole]

Citazioni su Gus FringModifica

Da altri personaggi di Breaking BadModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • È stato ospite a casa mia. Il 4 luglio abbiamo cucinato in giardino. Mio figlio sbucciava le pannocchie, mia figlia tagliava le patate, Fring ha portato la spigola. Ogni volta che la griglio, ora la metto in un cartoccio di stagnola come mi aveva insegnato. Abbiamo riso tutta la sera, raccontandoci storie, bevendo vino. Era una persona completamente diversa. Proprio davanti a me. Proprio sotto il mio naso. (George Merkert)

Altri progettiModifica