Giuliana Saladino

giornalista e politica italiana

Giuliana Saladino (1925 – 1999), giornalista e scrittrice italiana.

Citazioni di Giuliana SaladinoModifica

  • [Su Palermo] Anche a volere muovere un dito non si sa da dove cominciare, se dallo Stato che esiste solo come vertice di mafia e di ladrocinio o dal cittadino che ha avuto millenni di tempo per organizzare la sua difesa a danno altrui. Non è Europa e non è Africa. Non è capitalismo e non è feudalesimo. Ѐ solo una sacca.[1]
  • [Su Vittorio Nisticò] Nel 1957, io mi inventavo e riciclavo giornalista. Cadevo nelle grinfie di un nevrotico abbarbicato al suo tavolo anche per sedici ore di fila, concentrato, incazzoso, scattante, balbettante per timidezza o per furore, dispensava rabbuffi gelidi o appallottolava e tirava in faccia le due cartelle, mi intimidiva da morire, sempre con un bicchiere di latte sul tavolo, fumando milioni di sigarette, finto distratto, finto arruffone, in realtà, attentissimo vigile appassionato, Vittorio Nisticò, che dirigeva L'Ora destreggiandosi tra gli scogli e le secche del merdaio palermitano, che aggrediva la città, frugava nelle sue pieghe, denunciava o blandiva dando voce al lettore inerme e indifeso contro i potenti, coagulando attorno a sé tensioni e buona volontà...[2]

NoteModifica

  1. De Mauro. Una cronaca palermitana, Feltrinelli, Milano, p 16; citato da Pietro Romano, Scrittura e utopia in Giuliana Saladino, istitutoeuroarabo.it, 1º novembre 2017.
  2. Citato in Nadia Terranova, Un romanzo civile in Sicilia, Il Foglio Quotidiano, 22 gennaio 2022.

Altri progettiModifica