Giovan Pietro Vieusseux

scrittore e editore italiano

Giovan Pietro Vieusseux (1779 – 1863), scrittore ed editore italiano, di origine franco-svizzera.

Giovan Pietro Vieusseux

Citazioni su Giovan Pietro VieusseuxModifica

  • Chi conoscesse e potesse descrivere tutte le difficoltà che, durante quarant'anni, ebbe nelle sue imprese Giampietro Vieusseux a superare, e dicesse quale accorgimento e franchezza, qual posatezza e calore usò in superarle, e come in senno si mostrò pari ai vecchi, ai giovani in ardimento; chi numerasse di quanti il valore egli abbia estimato, indovinato, promosso, di quanti educato le speranze ora stimolandole e ora frenandole, di quanti alleviate le angustie e compianti amicamente i dolori; chi potesse tutte raccogliere delle innumerabili lettere da lui scritte le parole savie e cordiali, di tutti i colloquii della sua vita i giudizi retti e a lui proprii; quegli direbbe le lodi di lui degnamente. (Niccolò Tommaseo)
  • Editore e direttore delle opere che di mano in mano uscivano dal suo Gabinetto, a tutto provvedeva con meravigliosa prontezza e avvedimento. Quello che di più degno negli studi e nelle istituzioni educative si tentò in Toscana in questi ultimi quarant'anni, si deve in gran parte alla sua opera e ai suoi consigli. E chi non lo crede, volga gli occhi indietro, e ci mostri in Firenze alito fecondo di vita intellettuale che non derivasse da lui. (Marco Tabarrini)
  • Il Vieusseux era veramente nato fatto per essere capitano, e un sicuro istinto lo guidava anche dove gli avrebbe fallito la dottrina. Egli, che poco sapeva di lettere, riusciva, forse appunto per questo, a tenere in accordo gli umori diversi dei letterati; e con sottile acume giudicando delle attitudini di ciascuno, incorava tutti a fare, mostrava la via, rompeva gli ostacoli, conciliava tutto e a tutto trovava compensi. Von l'Antologia egli aprì libero campo alle prove di tutti; e quel giornale si levò presto colla critica e colla erudizione ad un'altezza, che neppur da lungi avean toccato le effemeridi che lo avean preceduto. (Marco Tabarrini)

Altri progettiModifica