Gian Carlo Menotti

compositore e librettista italiano (1911-2007)

Gian Carlo Menotti (1911 – 2007), compositore e librettista italiano naturalizzato statunitense.

  • [Sul Festival dei Due Mondi] Di vecchio basto io. E poi, dove sono oggi i Tennessee Williams e i Truman Capote? E Pound, Ungaretti, Neruda? Dal punto di vista umano, i momenti che ricordo con più gioia sono gli incontri con i poeti; ubriaconi, ma simpatici. (citato in snob? jet set? no, platea dei Due Mondi, Corriere della sera, 29 giugno 1993))
  • Per dedicarmi a Spoleto ho trascurato la mia attività di compositore. Sono convinto che l'arte è un'amante gelosa che vuole tutto, non ti consente altri amori, ti divora. Io ho fatto lo sbaglio di aver voluto fare contemporaneamente tutte e due le cose... Adesso, mi pento. Ma non mi fraintendere, ora che sto chiudendo i conti, sono contento di aver messo al mondo questo Festival e sono io stesso sorpreso della sua longevità. (citato in Novant'anni e la mia Spoleto, una fatica immane, Corriere della sera, 8 luglio 2001)
  • Quanto agli autori che hanno esercitato maggior influenza sul mio modo di comporre, ho certamente un debito con Puccini, che mi ha insegnato il "parlar cantando", cioè a non dividere l'opera in recitativi e arie, bloccando l'azione scenica... Ma è Schubert il compositore che mi ha stimolato in modo particolare. (citato in Novant'anni e la mia Spoleto, una fatica immane, Corriere della sera, 8 luglio 2001)
  • Spoleto è solo una vacanza dell'anima. (citato in snob? jet set? no, platea dei Due Mondi, Corriere della sera, 29 giugno 1993)
Gian Carlo Menotti, fotografato da Carl Van Vechten, 1944

Altri progettiModifica