Francesca Archibugi

regista e sceneggiatrice italiana

Francesca Archibugi (1960 – vivente), regista e sceneggiatrice italiana.

Francesca Archibugi nel 2008

Citazioni di Francesca ArchibugiModifica

Da Il cinema per bisogno di raccontare. Intervista alla regista Francesca Archibugi

Intervista di Maurita Cardone, Lavocedinewyork.com, 6 giugno 2015.

  • Io racconto, racconto ciò che vedo e ciò che sento, non giudico i personaggi.
  • Tutti noi siamo posizionati in una specie di scacchiere sociale, antropologico più che sociologico. E ci muoviamo in questa parte che ci è stata assegnata.
  • Mi piace la parola antropologico più che sociologico perché sociologico mi porta a uno schematismo, mentre l'antropologia è uno sguardo su come ci si comporta, sulle regole, sui rapporti di forza, un racconto senza giudizio.
  • Io cerco sempre di schiodare la gente dall'idea di luogo comune per cui gli intellettuali di sinistra sono tutti radical chic, o i sedicenni sono tutti così. Non esistono i sedicenni, esiste il mio. Uno. Perché siamo tutti diversi.
  • Ricordare da dove vieni significa soltanto avere molto più precisa la gittata del tuo futuro. Siamo anche quello da cui veniamo, però, di nuovo, mi è difficile ragionare per precetti e dire cosa la gente dovrebbe fare.
  • Io racconto, non voglio mandare messaggi. Se li devo proprio mandare, li mando a me stessa.
  • Il lavoro delle persone che raccontano è un lavoro antico come la prostituzione, come l'agricoltura. Esseri umani hanno cominciato a raccontare la vita di esseri umani ad altri esseri umani. Da sempre.
  • Alessandro è un principe, lo è dentro. È uno che ha un senso dell'equità, della giustizia. Potrebbe guidare una nazione.
  • Valeria illumina qualsiasi cosa tocchi, qualsiasi relazione, una stanza: entra Valeria, si accende un fascio di luce.
  • Rocco è un pezzo unico. L'originalità. Rocco non assomiglia a niente altro che a Rocco Papaleo.
  • L'Italia è afflitta da un problema serio che è il nepotismo, soprattutto nel cinema, e da una mentalità mafiosa. È un problema che ci ha bloccato l'ascensore sociale.
  • Essere nati ricchi o poveri, belli o brutti sono tutte cose fondamentali, ma sono grandi insiemi, grandi campi semantici, poi c'è l'unità particolare. Ed è nell'unità particolare che si esprime l'artista.

Da Francesca Archibugi: «Tutti mi regalano cerchietti. La mia passione segreta? Costruire muretti a secco»

Corriere.it, 1 dicembre 2022.

  • Ero felicemente pronta a fare la cineasta sfortunata, mi sembrava già una vita stupenda, la marginalità non mi dispiaceva. Poi Mignon è partita e ha incassato tantissimo, anche se io pensavo fosse un film minore e improvvisamente mi sono ritrovata che tutti mi cercavano.
  • Sono figlia di genitori separati, mio padre non sapeva cosa fare con i figli e ci portava a vedere di tutto, anche Antonioni. A volte mi addormentavo in sala. Crescendo, ho affinato il mio gusto, mi piaceva per esempio il cinema di Polanski.
  • [Su Paolo Virzì] Ogni volta che gli dai una scena la “paolizza”, sempre in bilico tra il grottesco, l’esagerato, il profondamente umano, mi sorprende sempre, tra parola scritta e messa in scena è sempre una sorpresa, come una realtà aumentata.
  • [Su Nanni Moretti] Lo conosco da una vita, gli voglio bene. È un grande regista, è stato dolce, presente. È un uomo generoso. Lavorare con lui è stato semplice.
  • In letteratura è permesso parlare del mondo borghese, cosa che al cinema ha quasi perso la legittimità.
  • La persona che invidio di più al mondo è Elena Ferrante. La stimo come scrittrice e la ammiro come essere umano. [...] invidio idea di poter avere la tua vita, mantenere la tua identità nascosta, non essere condizionato da come gli altri ti vedono.
  • Ho avuto infanzia e adolescente vivida a tinte forti, piene di conflitti, la mia era una famiglia terrificante, litigiosissima. Tutte le domeniche finivano in liti tra figli, fratelli, fratellastri, mogli, mogliastre.
  • [Su Giorgia Meloni Presidente del Consiglio] Cosa mi cambia se è donna o maschio, se ha un programma contrario ai miei valori?
  • Mi sembra che ci sia un programma chiaro di ignorantizzazione. Ma più sei istruito e più puoi difenderti da idee che hanno scartamento ridotto.
  • Ho una passione: costruire i muretti a secco. Se trovo un bel pietrone non resisto.

Citazioni su Francesca ArchibugiModifica

  • Francesca Archibugi è stata una maestra straordinaria. Un incontro importantissimo. Ti dice due parole, quelle due parole, e ti tira fuori tutto. In Questione di cuore mi costringeva a stare immobile per dare maturità e durezza al personaggio. Tra l'altro lei mi ha salvata. Rischiavo di rimanere appiccicata all'immagine di Sonia: ragazza madre, svampita, sensuale e fragile. Archibugi, invece, mi ha fatto interpretare una donna tosta e combattiva, che difende il suo mondo e la sua famiglia. (Micaela Ramazzotti)

FilmografiaModifica

Altri progettiModifica