Filippa Lagerbäck

modella, showgirl e conduttrice televisiva italiana

Marika Filippa Lagerbäck (1973 – vivente), conduttrice televisiva, showgirl ed ex modella svedese naturalizzata italiana.

Filippa Lagerbäck (2011)

Citazioni di Filippa LagerbäckModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Gli italiani sono un po' permalosi, ma il loro pregio è quello di amare la vita. Hanno una passione e una gioia che a noi del nord Europa mancano completamente: siamo troppo concreti, realisti, invece voi sognate ancora e questa cosa mi fa impazzire. È anche per questo che sono venuta in Italia.[1]
  • [«Da quando vive in Italia?»] Fissa dal 2001, da quando sono venuta per stare con Daniele [Bossari], ma frequentavo l'Italia nel 1991 quando ho lasciato la Svezia per fare la modella. Ho fatto il giro del mondo. [«Si è sentita subito accolta?»] Immediatamente. Sono una straniera privilegiata, bionda, svedese, ma c'era una vera curiosità mei miei confronti. Mi colpì che per strada volavano complimenti e fischi. Pensavo: cosa vogliono? In Svezia nessuno ti dice niente.[2]
  • [«Considera l'Italia il suo paese?»] Certo. Anche se dico: "Vado a casa" quando sono in Svezia a trovare mia madre, e "Torno a casa" quando sono a Stoccolma pronta per ripartire per l'Italia. Da adulta non ho mai vissuto in Svezia, sono quasi turista.[2]
  • [Sul matrimonio] Consiglio a chi vive una situazione di lunga convivenza di provarci, è la celebrazione dell'amore. Sono una funambola della vita, ma la famiglia è per sempre.[3]
  • [«La definiscono un'icona green: la piace come definizione?»] [ride, ndr]. Non mi ci ritrovo. Per me è innato avere rispetto per l'ambiente.[4]
  • [Nel 2019, «come la vede, da svedese, l'Italia impegnata sul fronte eco?»] Molto indietro. A metà degli anni Ottanta nei negozi in Svezia ti davano un contributo se riciclavi plastica e vetro. Tra noi ragazzi c'era la sfida a chi riciclava di più per incassare qualche soldino.[4]
  • [Sui rapporti di coppia] Le liti ci stanno e fanno parte della vita e sarebbe strano se non si verificassero degli scontri, che invece reputo produttivo. La cosa importante è che ognuno riesca a mantenere i propri spazi anche se la casa è piccola e prendersi del tempo per sé, senza ovviamente che l'altro si offenda. Non può esserci sempre allegria, ci sta anche la tristezza, la paura e la malinconia. L'importante è avere un dialogo, ma senza paure.[5]
  • La legge svedese ti permette di andare nei boschi, di raccogliere funghi e mirtilli e d'impiantare una tenda anche sulla proprietà privata. Basta lasciare lo spazio che hai occupato come lo hai trovato o meglio. Questo ha permesso realmente a ognuno di noi di appropriarsi della natura, di trattarla bene, di curarla come fosse casa. Pioggia, neve, vento sole: con qualsiasi meteo noi svedesi siamo sempre fuori. Da piccoli siamo stati abituati a giocare sempre all'aperto. E così anche i grandi per coerenza.[6]
  • [Su Greta Thunberg] La seguo dall'inizio. Sembra così fragile e delicata, ma è tanto determinata e autentica. Scrive i suoi discorsi. Non fa sconti a nessuno, nemmeno al governo svedese considerato trai più green al mondo. Sebbene le sue parole siano già state dette dagli scienziati, i suoi messaggi sono chiari e arrivano ai ragazzi di tutto il mondo. Un potere incredibile, importantissimo. Vuole risposte.[6]

«Le nozze? Un pic-nic a piedi nudi»

Intervista di Stefania Saltalamacchia, vanityfair.it, 27 marzo 2016.

  • Se potessi cambierei sempre, ho sempre voglia di novità: non mi immagino a invecchiare nello stesso luogo.
  • [«Se tornasse indietro...»] Rifarei esattamente tutto. Ho perso qualche occasione ma oggi mi guardo allo specchio e mi sento una persona coerente. Se sono qui, se ho mia figlia, se ho la mia famiglia, è grazie a tutte le scelte che ho fatto. Rifarei anche gli errori.
  • [«Dei tempi da modella che ricordo ha?»] In realtà, conservo una cosa: un vecchio poster di quella pubblicità [della Birra Peroni] che ha segnato l'inizio del mio successo in Italia. L'ho tenuto per anni in garage, adesso è appeso al muro della nostra casa. Perché è un simbolo dell'inizio della mia storia con Daniele. Dopo esserci fidanzati, mi ha confessato che, dopo aver visto la foto, sognava di conquistare quella "bionda per la vita".

"Ogni errore è una grande opportunità"

Intervista di Gianmaria Tammaro, tv.fanpage.it, 24 ottobre 2021.

  • Fabio, secondo me, ha una preparazione incredibile. Mi meraviglio continuamente della sua capacità di cambiare: passa dal cinema all'attualità, dalla politica alla storia. Conosce i musicisti e conosce la storia della musica, e ha la battuta pronta. Non è una cosa che si può improvvisare, questa. La sua abilità è abbastanza unica in Italia.
  • Non c'è sempre bisogno dei riflettori e delle luci della prima serata. Alcune persone hanno quell'obiettivo. Io però sto bene così.
  • La televisione segue i mutamenti del mondo e del paese, e soprattutto delle persone. Quindi cambia con i gusti, con gli interessi e con il senso dell'umorismo. È in continua evoluzione. Chi è bravo riesce ad adattarsi e ad ascoltare gli spettatori. Perché sono loro, alla fine, a decidere. Se fai un programma e va male, c'è un motivo.
  • [«Lei perché si è trasferita in Italia?»] Per amore. Come sempre. È il cuore che decide, in questo genere di cose. Ho viaggiato per tantissimi anni in giro per il mondo; poi mi sono innamorata qui in Italia e mi sono fermata. Tra le tante città che ho visto e visitato, sono finita a Milano. Che è una scelta piuttosto particolare: è la prima città che ho conosciuto dopo aver lasciato la Svezia. [...] ho cominciato a lavorare nella moda e poi ci sono ritornata dieci anni dopo. Come ripeto spesso, questo paese è la mia America: ho trovato un lavoro e una famiglia, e ho trovato la felicità.
  • [...] è stato qui [In Italia] che ho riscoperto l'amore per la mia famiglia. In Italia si sta più insieme, e ci si protegge a vicenda. In Svezia, invece, tendiamo a staccarci prima. Ho sempre ripetuto a mia figlia di essere indipendente, di trovarsi un posto tutto suo. E adesso che è maggiorenne e che è andata via, mi manca.

NoteModifica

  1. Dall'intervista di Marco Leardi, Filippa Lagerback a DM: Nicole Minetti? That's Italia..., davidemaggio.it, 29 settembre 2012.
  2. a b Dall'intervista di Silvia Fumarola, Spareggio Italia-Svezia, Filippa Lagerback: "Mi avete accolta, comunque vada vinco", repubblica.it, 6 novembre 2017.
  3. Da un'intervista a Pomeriggio Cinque Magazine; citato in Francesca Ajello, Filippa Lagerback: "Con Daniele Bossari siamo stati all'inferno insieme", ilgiornale.it, 30 novembre 2018.
  4. a b Dall'intervista Filippa Lagerback: "La mia vita Green", panorama.it, 21 giugno 2019.
  5. Da un'intervista a Novella 2000; citato in Andrea Sanna, Filippa Lagerback svela a Novella 2000 come ha superato la crisi con Daniele Bossari, novella2000.it, 20 maggio 2020.
  6. a b Da un'intervista all'evento Electric Days Digital; citato in Perché Filippa Lagerbäck ha scelto una macchina ibrida, wired.it, 11 febbraio 2021.

Altri progettiModifica