Apri il menu principale

Essere o non essere

Spesso quando pronuncia il soliloquio Amleto viene rappresentato con in mano il teschio del buffone Yorick, ma in realtà si tratta di due scene diverse

Raccolta di esempi su essere o non essere, monologo dell'Amleto di William Shakespeare.

  • Essere, non essere o tirare a campare, questo è il problema! (Dylan Dog)
  • Essere o benessere? | Questo è il problema. (Marcello Marchesi)
  • Essere o non essere? Essere! Basta con gli scheletri nell'armadio! Anche se sei protestato o cattivo pagatore, con il 'Prestito del Principe' puoi ottenere fiducia e offerte personalizzate. Il Pestito del Principe: anche Amleto non ha più dubbi! (Feisbum - Il film) [pubblicità]
  • Essere o non essere fascista? Questo è il problema... Ignorare, morire di fame, oppure sfidare l'avversa fortuna e combattere? (Destinazione Piovarolo)
  • Essere o non essere firmati Saint Laurent? gli esistenzialisti si chiedevano nei bar. (Sergio Caputo)
  • Essere o non essere, questo è il problema. È forse più nobile soffrire, nell'intimo del proprio spirito, le pietre e i dardi scagliati dall'oltraggiosa fortuna, o imbracciar l'armi, invece, contro il mare delle afflizioni, e combattendo contro di esse metter loro una fine? Morire per dormire. Nient'altro. E con quel sonno poter calmare i dolorosi battiti del cuore, e le mille offese naturali di cui è erede la carne! Quest'è una conclusione da desiderarsi devotamente. Morire per dormire. Dormire, forse sognare. È proprio qui l'ostacolo; perché in quel sonno di morte, tutti i sogni che possan sopraggiungere quando noi ci siamo liberati dal tumulto, dal viluppo di questa vita mortale, dovranno indurci a riflettere. È proprio questo scrupolo a dare alla sventura una vita così lunga! Perché, chi sarebbe capace di sopportare le frustate e le irrisioni del secolo, i torti dell'oppressore, gli oltraggi dei superbi, le sofferenze dell'amore non corrisposto, gli indugi della legge, l'insolenza dei potenti e lo scherno che il merito paziente riceve dagli indegni, se potesse egli stesso dare a se stesso la propria quietanza con un nudo pugnale? chi s'adatterebbe a portar cariche, a gèmere e sudare sotto il peso d'una vita grama, se non fosse che la paura di qualcosa dopo la morte – quel territorio inesplorato dal cui confine non torna indietro nessun viaggiatore – confonde e rende perplessa la volontà, e ci persuade a sopportare i malanni che già soffriamo piuttosto che accorrere verso altri dei quali ancor non sappiamo nulla. A questo modo, tutti ci rende vili la coscienza, e l'incarnato naturale della risoluzione è reso malsano dalla pallida tinta del pensiero, e imprese di gran momento e conseguenza, devìano per questo scrupolo le loro correnti, e perdono il nome d'azione. (William Shakespeare, Amleto)
  • Essere o non essere... Una linea tenue come la nebbia che svanisce al mattino. (Final Fantasy IX)
  • Il mare è placido, il cielo è sereno... Allora perché la mia anima è così tormentata? Perché io esisto? Essere o non essere? La mia vita è stata davvero così priva di interesse che in un solo istante tutti si sono dimenticati di me? Ma perché io? Non sono peggio degli altri lumaconi! Io non voglio essere un signor Nessuno! Voglio essere riconosciuto! (Kirby)
  • Queste sono mille scimmie che lavorano a mille macchine da scrivere. Ben presto avranno scritto la più grande opera che l'uomo abbia conosciuto![1] Vediamo... [Prende uno dei fogli stampati] "Essere o non essere, questo è il bolema, se sia più giusto..." Bolema?! Stupida scimmia! (I Simpson)
  • Sfrakatzare o non sfrakatzare... questo è lo strafottuto dilemma! E la risposta caro preside, è senza dubbio-- SFRAKATZARE! (Lobo)

Citazioni su "essere o non essere"Modifica

  • Ma il soliloquio di Amleto, mio caro, il pezzo più celebre di Shakespeare. Ah, è sublime, sublime! Ogni volta fa venire giù il teatro. (Mark Twain)
  • Oggi pensavo a te | noiosissimo Amleto | che combinasti tante fesserie | dopo aver perduto il bandolo | del vivere concreto | in questo mondo | dove ci dibattiamo | inutilmente | qualche volta con gioia | e non di rado con malinconia | per sapere che siamo | e vivere che sia. | Oggi è giornata bella | per me | tutto color di rosa | intorno: | il trionfo dell'allegria. | Quando mi sento | lieto e sodisfatto | ti rispondo: | «sono» | senz'altro. (Aldo Palazzeschi)

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica