Enoch (antenato di Noè)

Enoch, personaggio biblico, padre di Matusalemme e nonno di Noè.

Enoch rapito in Cielo

Citazioni su EnochModifica

  • Enoch camminò con Dio; dopo aver generato Matusalemme, visse ancora per trecento anni e generò figli e figlie. L'intera vita di Enoch fu di trecentosessantacique anni. Poi Enoch camminò con Dio e non fu più perché Dio l'aveva preso (Genesi)
  • Enoch piacque al Signore e fu rapito, | esempio istruttivo per tutte le generazioni. (Siracide)
  • Enoch si distingue dagli altri patriarchi per parecchie caratteristiche: la sua vita è più corta, ma raggiunge una cifra perfetta, il numero dei giorni di un anno solare; «camminò con Dio» come Noè (6,9), scomparve misteriosamente, rapito da Dio come Elia (2 Re 2,11s). Diventò una grande figura della tradizione giudaica, che propose a esempio la sua pietà (Sir 44,16; 49,14) e gli attribuì libri apocrifi (cf. Gd 14-15). (La Bibbia di Gerusalemme)
  • Nessuno fu creato sulla terra eguale a Enoch; | difatti egli fu rapito dalla terra. (Siracide)
  • Per fede Enoch fu trasportato via, in modo da non vedere la morte; e non lo si trovò più, perché Dio lo aveva portato via. Prima infatti di essere trasportato via, ricevette la testimonianza di essere stato gradito a Dio. (Lettera agli Ebrei)

Altri progettiModifica