Cannolo siciliano

dolce tipico della cucina siciliana

Citazioni sul cannolo siciliano.

  • Beddi cannola di Carnalivari | megghiu vuccuni a lu munnu 'un ci nn'è: | su biniditti spisi li dinari; | ognu cannolu è scettru d'ogni Re. | Arrivinu li donni a disistari; | lu cannolu è la virga di Mosè: | cui nun ni mangia si fazza ammazzari, | cu li disprezza è un gran curnutu affè![1] (Anonimo)
  • Più gradito di qualunque altro cibo carnevalesco è il cannòlu, boccone ghiotto di popolani, di borghesi e di nobili, desiderato da poveri e da ricchi. Il cannòlu è un cialdone pieno, una pasta dolciastra fritta e tenerissima, accartocciata a forma di grosso cannello o bocciuolo, che si riempie di una squisita crema di latte, zucchero o giulebbe, cioccolata, pistacchio ed altri simili ingredienti. Senza il cannòlu che cosa è il banchetto carnevalesco se non un mangiar senza bere, un murare a secco, lo stare al buio in una conversazione? [...] Il cannolo è l'ultima portata, è la corona del pranzo carnevalesco. (Giuseppe Pitrè)
Cannoli siciliani
  1. Bei cannoli di carnevale | Non esiste al mondo miglior boccone: | i soldi spesi son benedetti; | ogni cannolo è lo scettro di ogni re. | Arrivano le donne e desiderano; | il cannolo è la verga di Mosè: | chi non ne mangia si faccia ammazzare, | a fede mia, chi li disprezza è un gran cornuto.

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica