Apri il menu principale

Bjørnstjerne Bjørnson

poeta, drammaturgo e scrittore norvegese
Medaglia del Premio Nobel
Per la letteratura (1903)
Bjørnstjerne Bjørnson

Bjørnstjerne Martinus Bjørnson (1832 – 1910), poeta, drammaturgo e scrittore norvegese, premio Nobel per la letteratura nell'anno 1903.

  • Sul serio, Peer Gynt è magnifico, Ibsen: soltanto un norvegese può capire com'esso è bello.[1]

Citazioni su Bjørnstjerne BjørnsonModifica

  • Che differenza fra Ibsen e Björnson! Il primo cortese, ma chiuso, freddo e riservato; il secondo aperto, festoso e loquace. Anche fisicamente i due erano uno l'opposto dell'altro: Ibsen piuttosto piccolo e pingue con due lunghe basette bianche e due occhi singolarissimi, celesti, grandi, spalancati dietro gli occhiali, duri, fissi, imperscrutabili e scrutatori ad un tempo; Björnson alto e tarchiato, con una magnifica testa leonina e dei capelli ancora biondicci alla base che gli salivano maestosi sulla fronte superba: gli occhi erano pieni di fuoco e parevano – malgrado i 65 anni che aveva allora – pieni di vigoria. Anche e più spiritualmente i due contrastavano: pensatore, pessimista, aristocratico l'uno; tribuno, ottimista, democratico l'altro. (Mario Borsa)

NoteModifica

  1. Da una lettera indirizzata a Ibsen il 15 novembre 1867; citato in Scipio Slataper, Ibsen, G.C. Sansoni Editore, Firenze 1944.

Altri progettiModifica