Apri il menu principale

Andrea del Sarto

pittore italiano del XVI secolo
Andrea del Sarto: Madonna delle Arpie (1517), Galleria degli Uffizi di Firenze

Andrea del Sarto, pseudonimo di Andrea d'Agnolo di Francesco di Luca di Paolo del Migliore Vannucchi (1486 – 1530), pittore italiano.

Indice

Citazioni su Andrea del SartoModifica

  • Fu a Roma e migliorò nell'osservare Raffaello. Il suo colorito è passabile, benché dia nel rosso, e le mezze tinte sieno d'un grigio verdastro o nerastro. Il suo pennello ha del morbido, il disegno è grandioso senza bellezza ideale. È talvolta un po' ammanierato: buoni panneggiamenti, ma composizione fredda e poco legata. (Francesco Milizia)
  • L'opera di Andrea del Sarto è plasticamente bella e perfetta, ed attira ed incanta l'occhio; ma essa non possiede quel fascino mistico e suggestivo, quel sentimento profondo, quel senso altamente spirituale che distinguono le pitture del divino Leonardo o del Botticelli. Se manca, tuttavia, ad Andrea l'ingenuità soave de' mistici, vi è una umanità e una certa malinconia nelle sue figure che obbliga a pensare. (Evelyn Franceschi Marini)
  • Nulla di mistico, o di suggestivo, nell'opera di Andrea; egli vide ed amò il bello e seppe interpretarlo vivacemente, nulla più; ma ciò è già molto, e serve per soddisfare il gusto popolare. Perciò Andrea del Sarto è forse, tra tutti i pittori fiorentini, il più popolare nel vero senso della parola. (Evelyn Franceschi Marini)
  • Si vuole per certo che Giulio Romano nel veder la copia che Andrea del Sarto avea fatto del ritratto di Leon X[1] disegnato e dipinto da Giulio Romano stesso sotto la direzione di Raffaello, la prendesse per il suo proprio originale. (Francesco Milizia)
  • [Commentando il Ritratto di una giovane donna negli Uffizi] Tra le opere più significative del talento pittorico di Andrea. [...] Le belle mani che escono dalla manica arricciata, come da una capricciosa corolla di fiore, così bianche e morbide da rivelarci in Andrea del Sarto il solo pittore capace, in Firenze, di gareggiar coi Veneti, signori del pennello. (Adolfo Venturi)

NoteModifica

  1. Papa Leone X, nato Giovanni di Lorenzo de' Medici.

Altri progettiModifica

OpereModifica