Un tipo imprevedibile

film del 1996 diretto da Dennis Dugan

Un tipo imprevedibile

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Happy Gilmore

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1996
Genere film commedia
Regia Dennis Dugan
Sceneggiatura Adam Sandler e Tim Herlihy
Produttore Robert Simonds
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Un tipo imprevedibile, film del 1996 con Adam Sandler, regia di Dennis Dugan.

IncipitModifica

Mi chiamo Happy Gilmore. Adoro l'hockey fin da quando ero abbastanza grande per pattinare. Veramente non ero un granché come pattinatore. Ma questo non ha impedito a mio padre di insegnarmi i segreti dell'hockey e soprattutto il segreto del colpo secco. Mio padre viveva per l'hockey, mia madre no. Per questo si è trasferita in Egitto, dove per un raggio di tremila miglia non esistono stadi del ghiaccio. Papà mi portava sempre alle partite ad applaudire il nostro giocatore preferito, Terry O'Reily, il Diavolo della Tasmania. Non era certo un gigante, ma non aveva paura di nessuno. Proprio come me. Bell'uomo, eh? Diceva sempre che da grande sarei potuto diventare qualunque cosa avessi voluto, ma io non ho mai voluto essere altro che un giocatore di hockey. Sì, la mia infanzia filava via benissimo. Ma la vita è piena di sorprese. (Happy) [voce narrante]

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • A volte alzo la voce perché sono terrorizzato. Ho il terrore di scoprire la mia inutilità. (Happy)
  • Ieri ho visto giocare Doug [a golf] e ho calcolato che quest'uomo passa più tempo sulla sabbia di un bagnino californiano. (Shooter)
  • Happy, la palla all'interno nasconde la sua energia o forza vitale se vuoi. Il suo ambiente naturale è solo la buca. Sì, è il suo ecosistema. Ha già preparato le valigie, ha già i biglietti. Portala all'aeroporto e mandala a casa. (Potter)
  • Ero venuto a questo torneo per un solo motivo: i soldi. Ma adesso ne ho uno nuovo: lasciarti col culo a terra. (Happy) [a Shooter]
  • Hai mai fatto un viaggio in Paraguay, spero che da un giorno all'altro te ne andrai, ti regalo un bel bonsai e non tornare mai. Perché non te ne vai? (Happy) [rappando, a Shooter]

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Chubbs: Il golf non è diverso dall'hockey: richiede talento e autodisciplina.
    Happy: Il golf richiede pantaloni ridicoli e un culo esagerato.
  • Chubbs: Buongiorno. Non è un paradiso? Cielo sereno, cinguettio di uccelli, erba appena tagliata.
    Happy: Che ti prende? Vuoi recitarmi una poesia? Si vede che sei un patito del golf, eh?
  • Shooter: Sei proprio cascato male, i pezzi di merda come te me li mangio a colazione.
    Happy: Non mi dire, fai colazione coi pezzi di merda?

Altri progettiModifica