Apri il menu principale

Ultime parole dalle canzoni

lista di un progetto Wikimedia

Raccolta delle ultime parole pronunciate in punto di morte da personaggi immaginari, tratte dalle canzoni.

Ultime parole dalle canzoniModifica

  • Io, nel vedere quest'uomo che muore, | madre, io provo dolore. | Nella pietà che non cede al rancore, | madre, ho imparato l'amore. (Tito)
Personaggio di Il testamento di Tito, traccia n. 9 di La buona novella, album del 1970 di Fabrizio De André. Tito è uno dei due ladroni crocifissi accanto a Gesù ed è lui a parlare nel corso della canzone. Questi sono gli ultimi versi della canzone e possono quindi essere considerate le sue ultime parole.
  • La guerra è finita. (Una sedicenne)
Personaggio di La guerra è finita, traccia n. 2 di La malavita, album del 2005 dei Baustelle. Una sedicenne punk e tossicodipendente «emotivamente instabile viziata ed insensibile» lascia un biglietto scritto «con una bic profumata da attrice bruciata» prima di aspirare il gas.
  • Mi basta, mi basta che sia più profondo di me. (Andrea)
Personaggio di Andrea, traccia n. 4 di Rimini, album del 1978 di Fabrizio De André. Andrea «raccoglieva violette ai bordi del pozzo» e «gettava riccioli neri nel cerchio del pozzo», quando ad un tratto il secchio gli dice: «Signore, il pozzo è profondo | più fondo del fondo degli occhi della Notte del Pianto.» Andrea quindi risponde al secchio con queste parole e, secondo una delle interpretazioni della canzone, si suicida gettandosi nel pozzo.
  • Ninetta mia, crepare di maggio | ci vuole tanto, troppo coraggio. | Ninetta bella, dritto all'inferno | avrei preferito andarci in inverno. (Piero)
Personaggio di La guerra di Piero, traccia n. 9 di Tutto Fabrizio De André, album del 1966 di Fabrizio De André. Piero è un soldato in guerra e viene ferito a morte. Queste sono le sue ultime parole prima di morire, quelle successive sono infatti «troppo gelate per sciogliersi al sole.»