Takuan Sōhō

monaco buddhista giapponese

Takuan Sōhō (1573 – 1645), monaco buddhista giapponese.

Takuan Sōhō

La mente senza cateneModifica

La Testimonianza Segreta della Saggezza ImmutabileModifica

  • Si dice che nella pratica del Buddhismo vi siano cinquantadue stadi e, all'interno di ciascuno di essi, un punto in cui la mente si ferma su un oggetto, chiamato dimora. Dimorare significa fermarsi laddove la mente viene trattenuta da qualcosa, di qualsiasi cosa si tratti. (p. 21)
  • Quando nello Zen viene chiesto "Che cos'è il Buddha?", si dovrebbe alzare la mano chiusa a pugno come unica risposta. Quando viene chiesto: "Qual è il significato supremo della Legge Buddhista?", prima che scompaia l'eco dell'ultima parola si dovrebbe rispondere: "Un ramo di pruno in fiore", oppure: "Il cipresso nel Giardino". (p. 33)
  • Anche se molte sono le Vie – la Via degli Dei, la Via della Poesia, la Via di Confucio – tutte condividono la chiarezza di quest'ultima mente. (p. 34)

BibliografiaModifica

  • Takuan Sōhō, La mente senza catene, Scritti di un Maestro Zen a un Maestro di Spada, traduzione di Milvia Faccia, prefazione di William Scott Wilson, Edizioni Mediterranee, 2010. ISBN 9788827221150

Altri progettiModifica