Apri il menu principale

Tafari Bante (1921 – 1977), politico e generale etiope.

Citazioni di Tafari BanteModifica

  • I preparativi fatti sotto il vecchio regime per avviare lo sviluppo socio-economico del paese erano intesi soltanto a perpetuare il vecchio ordine feudale. Sono perciò del tutto inutili al movimento popolare.[1]
  • Voi sapete, come noi, che le cose sarebbero peggiorate al di là di ogni possibilità di controllo, in Etiopia, se le esecuzioni non avessero avuto luogo in tempo. Non è un segreto che si è trattato di un'importante decisione politica. Noi non crediamo nella utilità di essere insinceri con noi stessi e con l'opinione pubblica internazionale e non lo saremo mai. Se lo fossimo stati, avremmo potuto montare un processo-farsa prima delle esecuzioni. I membri della nobiltà e della famiglia imperiale stavano complottando dall'interno della prigione, in cui ricevevano il trattamento più umano possibile, e dall'esterno, per schiacciare la rivoluzione, gettare il paese nella guerra civile e provocare spargimento di sangue. Il complotto, in cui era implicato il mio predecessore, il defunto generale Aman Mikael Andom, è stato scoperto all'ultimo momento.[2]
  • Voi sapete bene che il deposto imperatore ha commesso crimini contro il popolo. Il popolo giudicherà sulla opportunità di processarlo nel momento più adatto.[2]
  • Il Consiglio militare vuole instaurare un regime democratico.[2]
  • D'ora in poi gli aiuti stranieri non dovranno più essere sottoposti a condizioni politiche, ma dovranno essere diretti soltanto a promuovere il benessere del popolo.[2]
  • Il Mar Rosso è vitale per la economia etiopica e la costa eritrea sarà difesa ad ogni costo contro ogni tentativo di aggressione straniera.[3]
  • Gli eserciti disciplinati vincono le guerre.[3]
  • [Sugli studenti arrestati] Il loro numero è così esiguo che non so dirvi quanti sono.[4]
  • In tanti paesi in via di sviluppo l'esigenza di numerosi partiti politici provoca problemi.[4]
  • [Sulla guerra civile in Angola] La lotta per l'Angola è una lotta per il corpo e per l'anima dell'Africa.[5]

Citazioni su Tafari BanteModifica

  • Egli è stato scelto — come è stato ufficialmente spiegato — per le sue doti di patriottismo, integrità, adesione alla causa nazionalista che si esprime nello slogan «Etiopia innanzitutto» e per le sue umili origini. (Arminio Savioli)

NoteModifica

  1. Citato in Arminio Savioli, L'Etiopia non vuole rinunciare al possesso della costa eritrea, L'Unità, 30 novembre 1974
  2. a b c d Citato in Arminio Savioli, Il gen. Banti: «Il popolo deciderà della monarchia», L'Unità, 12 dicembre 1974
  3. a b Citato in L'Etiopia non vuole rinunciare al possesso della costa eritrea, L'Unità, 23 febbraio 1975
  4. a b Citato in Arminio Savioli, La difficile rotta dell'Etiopia, L'Unità, 23 ottobre 1975
  5. Citato in Vertice per l'Angola, L'Unità, 11 gennaio 1976

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica