Sydney Smith

giornalista e religioso inglese

Sydney Smith (1771 – 1845), scrittore britannico.

  • La sua idea del paradiso è mangiare paté de fois gras al suono di trombe.[1]
  • Non leggo mai un libro prima di recensirlo: ispira così tanti pregiudizi!
Sydney Smith
I never read a book before reviewing it, it prejudices a man so.[2]
  • Non ho nessuna propensione per la campagna: è una sorta di tomba salutare.
I have no relish for the country; it is a kind of healthy grave.[3]
  • Sono convinto che la digestione è il grande segreto della vita.[4]

Lady Holland's MemoirModifica

  • Il matrimonio somiglia a un paio di cesoie, così unite che non possono essere separate, che spesso si muovono in direzioni opposte, ma che sono sempre malefiche per chi si mette in mezzo.
Marriage resembles a pair of shears, so joined that they can not be separated; often moving in opposite directions, yet always punishing anyone who comes between them. (I, 11)
  • Non c'è mobilio più incantevole dei libri.
No furniture so charming as books. (I, 9)
  • Non sapete che, come dicono i Francesi, ci sono tre sessi – gli uomini, le donne e il clero?
As the French say, there are three sexes, — men, women, and clergymen. (I, 9)
  • Quando leggi, cerca sempre di stare nella migliore compagnia.
Live always in the best company when you read. (I, 10)

NoteModifica

  1. Citato in Focus, n. 87, p. 144.
  2. Citato in H. Pearson, The Smith of Smiths, 3.
  3. Da una lettera a G. Harcourt, 1838, in Letters.
  4. Citato in Mario Grasso, Punti di vista, FrancoAngeli, Milano, 2001, p. 100. ISBN 88-464-3200-2

Altri progettiModifica